martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaVia al regolamento...

Via al regolamento europeo sui dispositivi medici diagnostici in vitro (IVDR)

I nodi da sciogliere per Confindustria dispositivi medici

Il regolamento così approvato designa un sistema rafforzato di organismi notificati che per la prima volta si trova a valutare circa il 70% dei dispositivi di diagnostica in vitro.
Confindustria dispositivi medici accoglie con favore il nuovo regolamento ma lancia un allarme: in occasione della data di applicazione, l’infrastruttura Ivdr risulta incompleta presentando criticità che richiedono una risoluzione urgente. L’80% delle imprese sta trovando difficoltà ad avviare l’iter di certificazione per la mancanza di organismi notificati e la ancora scarsa predicibilità del percorso di certificazione.
 
L’80% delle imprese sta trovando difficoltà ad avviare l’iter di certificazione per la mancanza di organismi notificati e la ancora scarsa predicibilità del percorso di certificazione
 
In vigore il nuovo regolamento sui dispositivi diagnostici in vitro (IVDR), Confindustria Dispositivi Medici: una tappa importante, si continui a lavorare per rendere la normativa robusta e sostenibile
 
Accorsi (Assodiagnostici): L’applicazione della nuova regolamentazione trova il sistema di certificazione impreparato. Solo 7 gli organismi notificati abilitati a certificare oltre 30mila dispositivi diagnostici in vitro
 
Roma, 26 maggio 2022 – Entra oggi in piena applicazione il regolamento europeo sui dispositivi medici diagnostici in vitro (IVDR). Il regolamento così approvato designa un sistema rafforzato di organismi notificati che per la prima volta si trova a valutare circa il 70% dei dispositivi di diagnostica in vitro. L’IVDR introduce un nuovo sistema di classificazione dei rischi, requisiti di evidenza clinica aggiornati, un nuovo sistema post-commercializzazione, un nuovo database che garantisce maggiore trasparenza (EUDAMED) e un sistema unico di identificazione del dispositivo che facilita la tracciabilità della catena di approvvigionamento.
 
“Accogliamo con favore l’arrivo del nuovo Regolamento, che segna un nuovo importante capitolo per i test medico-diagnostici in vitro (IVD) in Europa. Il settore della diagnostica in vitro (IVD) – commenta Katia Accorsi, Presidente di Assodiagnostici, l’associazione che in Confindustria Dispositivi Medici rappresenta le aziende operanti nella produzione e distribuzione di diagnostica in vitro – ha pienamente sostenuto gli obiettivi della nuova normativa e ha investito risorse significative per soddisfarne i requisiti e garantire che gli IVD restassero a disposizione di pazienti, operatori sanitari e laboratori. Entusiasti degli importanti progressi compiuti negli ultimi anni, siamo però consapevoli dei limiti che ancora necessitano di essere superati. Oggi siamo dunque un passo avanti, ma non a un punto di arrivo: come associazione continueremo a collaborare con le istituzioni competenti e gli stakeholder per trovare rapidamente soluzioni che evitino interruzioni nella fornitura di importanti dispositivi medici e diagnostici salvavita”.
 
Secondo Confindustria Dispositivi Medici e l’associazione europea Medtech Europe in occasione della data di applicazione l’infrastruttura IVDR risulta incompleta presentando criticità che richiedono una risoluzione urgente, nonostante il recente emendamento di gennaio 2022 ha concesso alla maggior parte degli IVD, a seconda della classe di rischio, da tre a cinque anni in più per passare al nuovo regolamento, se soddisfano determinate condizioni.
 
Secondo le due associazioni rappresentanti del settore industriale sarebbe pertanto necessario:
•      Assicurare ai dispositivi innovativi e aggiornati la possibilità di essere certificati ai sensi dell’IVDR e raggiungere il sistema sanitario e i pazienti.
•      Rendere pienamente operativi i sistemi regolatori per certificare gli IVD a più alto rischio ed i test di accompagnamento (cd. companion diagnostic) – tra questi quelli necessari per gestire le malattie infettive e la diagnostica a supporto dei farmaci personalizzati.
•      Aumentare la capacità degli Organismi Notificati affinché supporti la certificazione di tutti gli IVD e riduca le tempistiche di certificazione, attualmente lunghe e imprevedibili.
•      Costruire le altre infrastrutture di sistema necessarie per implementare l’IVDR, compresi i requisiti per gli studi sulle prestazioni, il post-market e la vigilanza e il database EUDAMED, ecc.
 
Fino a quando queste sfide non saranno affrontate e risolte, il regolamento IVD non costituirà un percorso sufficientemente prevedibile e affidabile per la certificazione dei test medici necessari. Ricordiamo che secondo una recente indagine dall’associazione europea MedTech Europe l’80% delle imprese sta trovando difficoltà ad avviare l’iter di certificazione per la mancanza di organismi notificati e la ancora scarsa predicibilità del percorso di certificazione. Stiamo parlando di quasi 30 mila dispositivi che dovranno essere certificati dai 7 organismi notificati abilitati”, ha concluso Katia Accorsi.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Giornata mondiale del neonato prematuro. L’eccellenza dei progetti messi in campo al Monaldi di Napoli

Si è svolta il 17 novembre la giornata mondiale del neonato prematuro: una iniziativa globale celebrata in più di 60 paesi e che, dal 2011, ha come obiettivo sensibilizzare i cittadini sul tema della prematurità e delle malattie nei neonati...

Fondo ristoro attività socio sanitarie e assistenziali. C’è tempo fino al 24 agosto per le domande

C'è tempo fino al 24 agosto 2022 per gli enti non profit che svolgono attività socio-sanitaria e socio-assistenziale per accedere ai 20 milioni nel piatto del Fondo ristori di cui all'Avviso 2 del 2022 del Ministero del Lavoro (decreto...

Germi multiresistenti agli antibiotici: situazione peggiorata con il Covid

Antibiotici e resistenze: nuovi modelli di governance ospedalieraper le molecole innovative, da un accesso razionato a un accesso razionale e appropriato per scongiurare la pandemia prossima ventura. Quella che nel 2050 secondo le proiezioni dell'Oms, vedrà l'esposizione di malattie...