lunedì, 28 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaTafida arriva a...

Tafida arriva a Genova e viene trasferita al Gaslini: chiesta la cittadinanza italiana per motivi umanitari

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] L[/dropcap]a piccola Tafida Raqeeb è arrivata a Genova a bordo di un aereo-ambulanza da Londra e trasportata all’ospedale Gaslini, dove è stata ricoverata in terapia intensiva.
La piccola è in stato coscienza minima a causa di una grave lesione cerebrale, a Londra la famiglia aveva cominciato una dura battaglia legale per opporsi alla decisione dei medici inglesi di interrompere le cure vitali, chiedendo il trasferimento della figlia all’ospedale di Genova.
Il trasferimento di Tafida in aereo-ambulanza accompagnata dalla madre Shelina Begum, è stato supervisionato da un’equipe di specialisti dell’ospedale: il primario del reparto di Rianimazione Andrea Moscatelli, un anestesista rianimatore e personale infermieristico.
“Non sempre si può guarire, ma sempre si può e si deve prendersi cura dei nostri piccoli pazienti . Questo è quello che il Gaslini fa da oltre 80 anni, perché prendersi cura precede e moltiplica gli effetti delle cure”, ha ribadito il direttore generale del Gaslini Paolo Petralia anche lui all’aeroporto ligure Cristoforo Colombo per accogliere Tafida.
Ad aspettare la piccola all’aeroporto, oltre al padre Mohamed Raqeeb, era presente anche l’avvocato Filippo Martini, segretario di Giuristi per la vita, l’associazione di legali e magistrati che ha assistito per le questioni giuridiche italiane la famiglia nella complessa battaglia avviata contro il Royal London Hospital.
L’avvocato Martini ha fatto sapere di “chiesto per conto della famiglia la cittadinanza per Tafida per motivi umanitari”. “Abbiamo presentato domanda un mese e mezzo fa – ha spiegato -. Il ministro dell’Interno era ancora Matteo Salvini. L’abbiamo ripresentata anche con il nuovo governo, attendiamo risposta. La cittadinanza aiuterebbe i Raqeeb anche per i costi sanitari”.
“La situazione di Tafida non è disperata e non è tale da giustificare l’interruzione dei supporti vitali“, ha sottolineato Martini, ricordando i movimenti degli occhi segnalati a più riprese dalla madre in questa dolorosa e delicata vicenda. I genitori di Raqeeb, britannici ma originari del Bangladesh, si trasferiranno ora a vivere a Genova.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...

Campania, prescrizioni agli specialisti, si va verso accordo

Soddisfazione dal Sumai Assoprof (Sindacato Unico di Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria) al termine dell’incontro avvenuto tra il presidente del comitato regionale della specialistica ambulatoriale Ferdinando Ferrara, accompagnato da una delegazione del Sumai, e i funzionari della...