sabato, 28 Gennaio, 2023

Giornalesanità.it

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...
HomeAmbiente e SaluteSindrome dell’intestino irritabile...

Sindrome dell’intestino irritabile e COVID-19: una stretta connessione

Sindrome dell’intestino irritabile come sequela un anno dopo l’infezione da SARS-CoV-2. È quanto emerso da un recente studio pubblicato su “The american journal of gastroenterology” in cui è emersa la presenza e persistenza di diversi disturbi di natura gastrointestinale in pazienti ospedalizzati a causa del COVID-19.

LA SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE

La sindrome dell’intestino irritabile è una malattia funzionale molto comune e debilitante, caratterizzata da un dolore e/o fastidio addominale di diversa entità che migliora dopo l’espulsione di gas e feci. Si tratta della condizione più comune a livello gastrointestinale nella popolazione. Non riconosce una causa organica e ha eziopatogenesi sconosciuta. Le cause alla base possono essere sia legate a fattori fisici che psichici.

A conferma di ciò i sintomi tendono ad aggravarsi in situazioni di forte stress fisico e mentale. Oltre al dolore addominale possono essere presenti stipsi, diarrea, flatulenza e dispepsia. Non essendo un disturbo organico la diagnosi avviene per esclusione, dopo aver escluso altre patologie ed avvalendosi dei criteri diagnostici di “ROMA IV”.

Il trattamento include misure dietetiche e di corretto stile di vita alimentare, una buona idratazione, attività fisica fino alla somministrazione di farmaci sintomatici in base al disturbo manifestato dal paziente (dai comuni anti-infiammatori, procineciti e antidiarroici ad antidepressivi che diminuiscono la sensibilità viscerale).

LO STUDIO

Lo studio, denominato GI-COVID-19 (gastrointestinal symptoms in coronavirus-19 disease) è stato condotto dalla Medicina interna e Gastroenterologia dell’IRCCS Policlinico Sant’Orsola di Bologna su oltre 2.000 pazienti ospedalizzati per COVID-19 in dodici nazioni europee che sono stati seguiti non solo durante il ricovero ma dopo un mese e dopo un anno dalla loro ospedalizzazione.

I risultati hanno evidenziato che la presenza di sintomi di diversa natura gastrointestinale si verificava in maniera più frequente in questo gruppo di pazienti rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, a distanza di un mese dalla guarigione dal COVID-19 gli stessi lamentavano nausea confermando la persistenza di questi disturbi gastrointestinali soprattutto nei soggetti con un BMI elevato, proteina C reattiva elevata e dispnea.

Lo studio ha analizzato i pazienti un anno dopo la loro ospedalizzazione mostrando come il 3.2% dei soggetti esaminati continuasse a manifestare e lamentare disturbi di natura gastrointestinale. Disturbi comparsi dopo l’infezione da SARS-CoV-2 e non presenti in precedenza, compatibili coi criteri diagnostici della sindrome dell’intestino irritabile. Sindrome che può essere annoverata pertanto fra i disturbi del LONG-COVID a conferma di altri studi che evidenziavano un’alterazione del microbiota intestinale nel COVID-19.

UNA RIFLESSIONE

I dati emersi dallo studio conducono ad una riflessione comune: considerando che in Italia sono oltre 17 milioni i soggetti che hanno contratto la malattia da COVID-19, potrebbe esserci circa mezzo milione di italiani con insorgenza di sindrome dell’intestino irritabile post covid. Dati importanti che ampliati a livello mondiale portano ad un possibile interessamento clinico di milioni di persone. Successivi studi e analisi con casistica più ampia e relativo monitoraggio potranno sicuramente dare più indicazioni.
Il COVID-19 ed il fenomeno del LONG-COVID si confermano patologie insidiose multifattoriali che interessano più organi e non devono essere sottovalutate ma approfondite.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Infezioni ospedaliere: Ogni anno oltre mezzo milione di casi

Le società scientifiche SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SITA (Società Italiana Terapia Antinfettiva) e GISA (Gruppo Italiano per la Stewardship Antimicrobica) in un recente comunicato stampa congiunto, hanno lanciato un forte appello riguardo un tema di...

Test di ingresso a medicina al via ad aprile 2023: una mini-guida

Con decreto direttoriale del 30 novembre 2022 il Ministero dell’università e ricerca ha definito le date in cui si svolgeranno i test di ingresso al corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia e medicina veterinaria del 2023. Ricordiamo...

Sonnolenza eccessiva e stanchezza? Attenzione ai disturbi respiratori del sonno

Il sonno rappresenta un processo fisiologico fondamentale della nostra vita. Basti pensare che costituisce oltre il 30% della nostra esistenza. Dormire fa bene al cervello. Quante volte abbiamo letto o ascoltato questa espressione? Frase mai più appropriata in quanto...