venerdì, Agosto 19, 2022
No menu items!

Scoperto nella pelle un nuovo organo di senso del dolore

I più letti

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] I[/dropcap]ndividuato nel corpo un nuovo organo sensoriale che rileva il dolore, come quello che si avverte durante un’iniezione o per urti che causano traumi. Si trova nella pelle ed è composto da cellule gliali con molte sporgenze lunghe che formano una struttura fatta a maglie proprio all’interno della pelle stessa. Lo studio, realizzato dal Karolinska Institutet e pubblicato su Science, sottolinea come l’organo sensoriale sia coordinato con i nervi sensibili al dolore che si trovano nella pelle e di come la sua attivazione arrivi a provocare impulsi elettrici nel sistema nervoso che causano le reazioni riflesse e le esperienze dolorose.
Le cellule che lo compongono sono altamente sensibili agli stimoli meccanici e questo spiega come sia al centro della rilevazione delle punture dolorose e degli urti. Negli esperimenti, i ricercatori sono riusciti anche a bloccarlo e hanno visto una conseguente ridotta capacità di percepire il dolore meccanico. “Il nostro studio spiega Patrik Ernfors, docente del Dipartimento di Biochimica e biofisica medica del Karolinska Institutet – dimostra che la sensibilità al dolore non si verifica solo nelle fibre nervose della pelle, ma anche in questo organo. La scoperta cambia la nostra comprensione dei meccanismi cellulari della sensazione fisica e può essere significativa nella comprensione del dolore cronico”.
Al momento questo nuovo organo è stato rilevato solo nei topi, ma poiché condividiamo con questi animali tutti gli organi di senso, è molto probabile che esso sia presente anche nell’uomo e negli altri mammiferi.

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Sovraffollamento accessi del Pronto soccorso dell’Azienda “Moscati”:nelle ultime 48 ore accesi in netto calo Revocata la disposizione inviata al 118

Tremilaottocentocinquanta accessi dal 18 luglio al 18 agosto; di questi, il 53% (circa 2mila accessi) avrebbe potuto sicuramente trovare...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -