martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaPubblico nelle manifestazioni...

Pubblico nelle manifestazioni sportive: oggi non esistono le condizioni per ulteriori aperture

Il Comitato Tecnico Scientifico si è riunito in data odierna per analizzare il documento ricevuto dal
Ministro della Salute relativo alla partecipazione del pubblico alle manifestazioni sportive,
predisposto dalla Conferenza delle Regioni e Province Autonome.

Al riguardo, per quanto riguarda la partecipazione del pubblico agli eventi delle diverse discipline
sportive e delle diverse serie, confermando che essi rappresentano la massima espressione di
criticità per la trasmissione del virus – anche in considerazione del recente avvio dell’anno
scolastico, il cui impatto sulla curva epidemica dovrà essere oggetto di analisi nel breve periodo – il
CTS ritiene che, sulla base degli attuali indici epidemiologici ed in coerenza con quanto più volte
raccomandato, non esistano – al momento – le condizioni per consentire negli eventi all’aperto e al
chiuso, la partecipazione degli spettatori nelle modalità indicate dal documento predisposto dalla
Conferenza delle Regioni e Province Autonome.

Resta, comunque, imprescindibile assicurare – per ogni evento autorizzato dalle norme attualmente
in vigore – la prenotazione e la preassegnazione del posto a sedere con seduta fissa, il rigoroso
rispetto delle misure di distanziamento fisico di almeno 1 metro, l’igienizzazione delle mani e l’uso
delle mascherine.

Qualora l’evento non possa garantire le citate misure di prevenzione, i numeri indicati nel DPCM
dovranno necessariamente essere ridotti dagli enti organizzatori e posti sotto la valutazione e la
responsabilità delle autorità sanitarie competenti.
Il CTS, pur comprendendo le aspettative di un ritorno graduale degli spettatori alla fruizione in
presenza degli eventi sportivi, ritiene che la proposta operata dalla Conferenza delle Regioni e
Province Autonome potrà essere riconsiderata sulla base dei risultati del monitoraggio di impatto
delle riaperture della scuola e della pubblica amministrazione.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi

Napoli, 28 novembre 2022 Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A...

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...