martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeSpecialiSpeciale Congresso TSRM PSTRP Professione logopedista:...

Professione logopedista: la voce è lo specchio dell’anima

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] P[/dropcap]rofessione logopedista: non parliamo di un semplice esperto del linguaggio deputato al suo corretto uso e rieducazione ma di una professione della riabilitazione che in ogni paese agisce al crocevia tra diverse discipline cruciali per lo sviluppo cognitivo e il mantenimento del benessere fisico e psichico.
“I disturbi della comunicazione verbale e non verbale, del linguaggio e dei correlati disturbi cognitivi e delle funzioni orali – avverte Tiziana Rosseto presidente della Federazione logopedisti italiani investono la voce ma anche la deglutizione e da qui la fisiologia di organi e apparati della respirazione e fonazione”. Quella dei Logopedisti è la figura professionale nel campo della riabilitazione più accreditata in Europa dopo i fisioterapisti. “Nel nostro campo – aggiunge Rosseto – non c’è una sottovalutazione del fabbisogno. Non abbiamo un problema di tipo occupazionale. Siamo in numero sufficiente e quasi tutti lavorano”.
Però secondo le stime europee in Italia i logopedisti sono 35 mila, 11.500 Inghilterra. In Italia sono 11 su centomila abitanti. Questo dato dice che non è più sufficiente la loro dotazione in quanto i bisogni di salute si sono estesi dai 0 a 100 anni. “Se guardiamo ai dati epidemiologici e ai bisogni di salute è sempre possibile nell’arco della vita avere bisogno di un logopedista. Il nostro lavoro si estende dalla gestione del paziente cronico e degenerativo alla comorbilità e alle polipatologie. Quindi occorre una nuova cultura della formazione che rispetti gli standard europei e la qualità dei percorsi formativi europei che sono più lunghi. Noi lavoriamo sui bambini nati prematuri, su quelli pretermine e su tante altre situazioni in team multidisciplinari che comprendono psichiatri, neurologi, psicomostricisti e geriatri in un approccio multidisciplinare”.

La Formazione dei logopedisti è universitaria adeguata agli standard di qualità di tipo europeo. In Europa la durata degli studi è di 5 anni, in Italia di 3 anni. Il ministero francese nel 2013 ha stabilito che l’ortofonista sia abilitato dopo 5 anni di studi. Il problema è il fabbisogno formativo e il tema della specialità. Una professione giunta a una sua maturità. Basti dire che nell’età evolutiva il logopedista trova posto anche in terapia intensiva e nelle aree assistenziali critiche, nelle neonatologie e nelle afasie croniche e degenerative e nei pazienti autistici. Senza dimenticare gli impieghi nella logopedia di comunità, nei pazienti istituzionalizzati ad alta integrazione socio sanitaria, negli anziani istituzionalizzati, nei pazienti con la Sla e altre patologie neurodegenerative dove lavorano per la prevenzione del decadimento cognitivo, nel post ictus, nei casi di patologie tumorali e nelle depressioni. Patologie che investono non solo la persona ma anche la famiglia.
Identità e voce: il linguaggio per esprimere o trattenere un’emozione. La voce è lo specchio dell’anima.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi

Napoli, 28 novembre 2022 Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A...

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...