giovedì, 8 Dicembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeProfessioni e LavoroPreparazione e somministrazione...

Preparazione e somministrazione farmaci: gli errori che si possono innescare

Questo elaborato nasce sia dalla mia esperienza personale lavorativa di infermiere che dalla mia esperienza di paziente a causa di un brutto incidente stradale successo anni fa. Abbraccia le tematiche fondamentale delle metodologie adottate dalla prescrizione medica alla somministrazione farmacologica ed i vari metodi adottato per ovviare a degli errori che si possono provocare sia attivamente che passivamente durante questo delicato processo quotidiano.

La preparazione e la somministrazione dei farmaci è una responsabilità primaria infermieristica in uno alla responsabilità degli errori che possono nascere durante il processo di preparazione e somministrazione farmacologica. Ci sono varie metodiche per limitare gli errori, tra cui uno studio che mi ha colpito molto che tratta di errori che avvengono durante il passaggio delle consegne che è un momento delicato per cercare di rendere chiaro, conciso e completo il quadro di ogni singolo paziente al collega del turno successivo. Si parla pure di rendere l’errore una fonte da cui imparare e quindi di promuovere la loro segnalazione anche in forma anonima in quanto “La sicurezza dei pazienti e la riduzione degli errori in terapia farmacologica, rappresentano una priorità dell’assistenza sanitaria”.

Infatti dall’aumento smisurato delle cause medico-legali ci viene in auto il risk management che si è arricchito sempre più di valenze deontologiche, entrando a far parte degli interventi per il miglioramento della qualità delle prestazioni sanitarie.Ci sono ovviamente anche le responsabilità di un coordinatore infermieristico nell’ambito di questo delicato processo di preparazione e somministrazione farmacologica in quanto “intrinsecamente, essendo competente di farmacologia, è considerato riferimento per l’equipe ed è investito di un ruolo che ne stabilisce e riconosce la capacità gestionale di intere strutture operative. Dotato di competenze di management, è in grado di provvedere e gestire risorse umane, materiali ed economiche. Nel caso specifico è riconosciuta a questa figura la responsabilità legata alla gestione dei farmaci nel processo di approvvigionamento, conservazione, controllo scadenze e gestione in toto”.

Quindi “in primis il coordinatore e gli infermieri da quest’ultimo nominati in secundis, sono tenuti ad effettuare il controllo periodico della scadenza dei farmaci, dell’integrità delle confezioni e del rispetto delle norme previste per la conservazione” per non incorrere nel reato di cui all’art. 443 c.p. In conclusione come ha sancito la Cassazione oggi gli infermieri sono professionisti laureati (dottori in Infermieristica), obbediscono ad obblighi giuridici autonomi rispetto a quelli del medico, e sono quindi pienamente responsabili delle proprie azioni, sia in ambito civile che penale. Sono intervenute negli ultimi anni alcune sentenze della Cassazione che hanno evidenziato come l’infermiere sia tenuto, nell’ambito del rapporto di collaborazione con il medico, a segnalare eventuali errori o anomalie che abbia personalmente riscontrato.”

Per quanto riguarda espressamente la figura del coordinatore detiene una responsabilità diretta indubbiamente importante nei riguardi degli infermieri che coordina, delle persone oggetto delle somministrazioni terapeutiche e della salute pubblica. Tra le azioni raccomandate dai documenti ministeriali e dalle più recenti produzioni della comunità scientifica, rammentiamo la necessità di effettuare i controlli e le verifiche programmate della sussistenza delle condizioni ottimali in senso lato dei farmaci. Ancora tutt’oggi questo tema è attuale e sempre pieno di insidie con tutto che con l’era tecnologica vi sarebbero tanti studi e tante tecniche per poter ovviare a tantissimi errori effettuati durante questo delicato processo di preparazione e somministrazione farmacologica. Si sente parlare tantissimo di ricerca e con esattezza di ricerca infermieristica, ma ancora non si capisce che mancano le basi della buona e giusta pratica infermieristica.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Ordine dei Fisioterapisti, si parte

Ordine dei Fisioterapisti: con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale (serie generale n.280 del 30 novembre del 2022) è ai nastri di partenza il nuovo Ente autonomo nato dalla gemmazione dall’Ordine delle professioni sanitarie Tsrm Pstrp con il decreto dell’8...

Trovato il corpo senza vita di Andrea Calcaterra, il medico 51enne di Trecate scomparso dal 15 novembre scorso

Il corpo senza vita di Andrea Calcaterra - medico 51enne di Trecate (Novara) che risulta scomparso dal 15 novembre scorso - è stato trovato dalle squadre di ricerca poco distante dalla sua auto, che era parcheggiata nei boschi di...

Il Pascale sigla accordo con il Congo

Napoli, 6 dicembre 2022La serata di ieri sera, nella magnifica cornice del teatrino di corte di Palazzo reale, può racchiudersi tutta nell’abbraccio tra il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi e il console del Congo a Napoli, Angelo Melone....