lunedì, 6 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeScienze e MedicinaPassano al nemico...

Passano al nemico le cellule stanche di combattere il cancro

A causa del poco ossigeno, la scoperta apre a nuove terapie

Quando le cellule T, i ‘soldati’ del sistema immunitario, si trovano a combattere un tumore troppo a lungo, finiscono non solo per stancarsi, diventando molto meno efficaci, ma anche per passare al ‘nemico’, spingendo anche le altre cellule del sistema immunitario ad abbandonare la lotta.

Lo ha scoperto uno studio pubblicato sulla rivista Nature Immunology e guidato dall’Università statunitense di Pittsburgh. La causa principale di questo ‘voltafaccia’ sarebbero i bassi livelli di ossigeno che caratterizzano l’ambiente tumorale e che potrebbero quindi diventare bersaglio per nuove terapie, in modo da riportare le cellule T al ruolo di alleate.

Le cellule T esauste sono una risposta ad una eccessiva quantità di segnali ricevuti, come quelli che vengono prodotti in presenza di cellule tumorali che resistono nel tempo.

“Grazie a questo studio abbiamo capito che, quando le cellule T stanche passano dalla parte dei tumori, non solo smettono di combattere, ma modificano l’ambiente circostante per spegnere anche le altre cellule nelle vicinanze”, spiega Greg Delgoffe di Università di Pittsburgh e Upmc Hillman Cancer Center, co-autore dello studio guidato da Paolo Vignali. “In altre parole, le cellule T esauste non solo non funzionano per noi, ma lavorano attivamente contro di noi”.

I ricercatori indicano che la scoperta apre le porte a nuove cure nel campo dell’immunoterapia: ad esempio, trattamenti che riportino l’ossigeno a livelli adeguati nei tessuti malati, impedendo quindi che le cellule immunitarie smettano di combattere, oppure tecniche per riprogettare le cellule T rendendole più efficienti. “Lo scontro tra sistema immunitario e cancro si basa su un delicato equilibrio”, commenta Vignali. “I nostri dati mostrano che possiamo prendere di mira il campo di battaglia e spostare l’equilibrio a favore delle cellule immunitarie – aggiunge Vignali – anche nei grandi tumori aggressivi”.

ANSA

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Bollettino covid 3 febbraio 2023

In merito all’andamento della situazione epidemiologica da Covid-19 si specifica che nella settimana 27 gennaio - 2 febbraio 2023 si registrano: ● 33.042 nuovi casi positivi con una variazione di -13,4% rispetto alla settimana precedente (n: 38.168) ● 439 deceduti con...

Giornata contro il cancro, Favo: equità di accesso alle cure

Roma, 2 febbraio 2023 - «Close the care gap». Ovvero: colmare il divario di cura. È questo il tema scelto per il World Cancer Day, la Giornata mondiale contro il cancro organizzata dall’Union for International Cancer Control (UICC) come...

Il presidente Vincenzo De Luca ha incontrato i vertici Soresa

Questa mattina il Presidente della Giunta Regionale ​della Campania Vincenzo De Luca ha incontrato il CdA di Soresa SpA presieduto da Tommaso Casillo, il Direttore Generale Alessandro Di Bello, i direttori operativi e il personale dell'azienda.  "Abbiamo avuto - ha...