giovedì, 21 Settembre, 2023

Giornalesanità.it

In lutto la medicina...

Gabriella Fabbrocini, 58 anni, docente ordinario di Dermatologia dell’Università Federico II è morta...

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...
HomeCronacaOspedale Betania di...

Ospedale Betania di Napoli, intervento chirurgico su rifugiata ucraina

All’Ospedale Evangelico Betania di Napoli è stato effettuato un intervento di colecistectomia ad una rifugiata di guerra ucraina che doveva essere operata nell’Ospedale di Mariupol. L’operazione è stata effettuata in laparoscopia dall’equipe di Vincenzo Bottino, direttore dell’Unità Operativa complessa di Chirurgia dell’ospedale partenopeo. La donna è arrivata nella struttura sanitaria di Ponticelli grazie alla rete di solidarietà dei cittadini campani e anche della Fondazione Evangelica Betania che sin dai primi giorni del conflitto si è attivata per accogliere e offrire assistenza ai profughi e ai rifugiati ucraini ma anche fornendo supporto assistenziale e psicologico ai familiari della popolazione ucraina che vivono e lavorano sul territorio. La paziente era ospite di una famiglia di Sant’Anastasia.

“L’intervento è andato bene, ma la donna, a cui era già stata pianificata l’operazione, è molto provata, anche psicologicamente. Ha dovuto, infatti, sobbarcarsi il viaggio in condizioni non ottimali rischiando che la patologia degenerasse”, racconta il dott. Bottino che aggiunge “doveva essere operata all’ospedale di Mariupol già diverse settimane fa, ma ha non solo dovuto rinviare l’intervento ma affrontare un viaggio”.

La provincia di Napoli presenta la più alta numerosità di cittadini ucraini (22 mila), seguita da Milano e Roma (entrambe circa 19mila) secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio Nazionale ‘Domina’. La Campania è la seconda regione dopo la Lombardia per dimensioni della comunità ucraina con 41.075 presenze (74,3% donne) che rappresentano ben il 16,5% di tutti gli stranieri.

L’Ospedale Evangelico Betania di Napoli da anni è un punto di riferimento sul territorio per la comunità ucraina. Nel 2021 le donne e gli uomini ucraini hanno rappresentato il 35% dei pazienti degli oltre 1.000 pazienti seguiti dagli ambulatori solidali, in prevalenza donne, che lavorano come badanti o nel settore agroalimentare. Con gli ambulatori solidali la Fondazione Betania offre servizi sanitari gratuiti e percorsi solidali di assistenza sociale ai cittadini stranieri e ai migranti ancora non in regola con il permesso di soggiorno.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Covid-19: stop alla dad per il nuovo anno scolastico

In pista nuove regole per il prossimo anno scolastico per affrontare la pandemia da Covid 19. In pratica si attenuano le misure di contenimento e se prima alla scoperta di più di un positivo scatta la didattica a distanza...

Steatosi epatica non alcolica, presentate le nuove linee guida

Gli epatologi di Aisf (Associazione italiana per lo studio del fegato) insieme alla Società italiana di diabetologia e a quella di obesità propongono un nuovo e semplice modello clinico per migliorare la diagnosi di steatosi epatica non alcolica (NAFLD)...

Microbioma: unico e irripetibile come l’impronta digitale

Oggi, 27 giugno, si celebra la Giornata Mondiale del Microbioma e la piccola Viola, nata troppo presto, la sta festeggiando alla grande. Ciucciando il latte della sua mamma, a contatto con la sua pelle, in silenzio dentro la TIN,...