domenica, Dicembre 5, 2021
No menu items!

Novembre è prevenzione: Giornata Internazionale del diabete

I più letti
Antonella Grimaldi
Antonella Grimaldi è laureata in Tecniche di Radiologia Medica dal 2017, e nel 2020 ha conseguito il titolo Magistrale presso l'Università Federico II. Dal 2015 è iscritta all'Albo dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Attualmente, è impiegata presso l'UO di Radiologia dell'Ospedale di Sorrento, e continua ad occuparsi di copywriting e comunicazione, soprattutto in ambito sociale e sanitario.

Ogni 14 Novembre, la World Health Organization e la Federazione Internazionale del diabete celebrano la Giornata Internazionale del diabete. Simbolo globale della ricorrenza è un cerchio azzurro, perché, secondo i suoi ideatori, l’azzurro riprende il colore della bandiera ONU e del cielo, l’unico, insomma, capace di rappresentare tutti i malati di diabete nel mondo.

- Pubblicità -

La Giornata internazionale del diabete è l’occasione ideale per informare la coscienza dell’opinione pubblica su questa particolare patologia, che negli ultimi anni è stata spesso sottovalutata della popolazione globale, ed in particolare dall’Occidente, dove l’incidenza, soprattutto del diabete alimentare, cresce di anno in anno. Di fatto, il diabete è una delle principali cause di morbilità e di mortalità nel mondo occidentale; perciò, è importante capire quali sono i fattori di rischio e quali sono i segnali di allarme per prevenire la malattia.

In occasione di questa ricorrenza, Diabete Italia e Motore Sanità terranno in diretta Zoom, un webinar il 15 novembre dalle 14:00 alle 16:30, il cui tema sarà: “Accesso alle cure per il diabete, se non ora quando”.

L’incontro online farà da gran finale alla serie di incontri in loco e online organizzati a livello regionale in tutta la penisola. Tra le città, Lucca scenderà in piazza Sabato 13 Novembre, dalle 10:00 alle 18:00. Avrà come professionisti sul campo un diabetologo, un infermiere, un podologo, un dietista e uno psicologo grazie ai quali sarà possibile sensibilizzare gli abitanti riguardo al diabete. Di particolare rilevanza è anche il contributo della città di Napoli che per tre giorni, 30 ottobre, 13 e 27 novembre 2021, offrirà il libero accesso, senza prescrizione medica, a visite e controlli delle terapie, che saranno effettuati da specialisti diabetologi gratuitamente presso la sede di Via Labriola.

La giornata Internazionale del diabete, istituita nel 1991, coincide la nascita di Frederick Grant Banting, fisiologo e endocrinologo canadese che un secolo fa scoprì l’insulina.

Con il termine diabete intendiamo uno spettro di patologia il cui termine comune è un’alterazione del metabolismo del glucosio, dovuto ad alterazione o errata risposta dell’organismo all’insulina, il principale ormone regolatore della glicemia.

Possiamo sintetizzare questa patologia in tre classi differenti, riconosciute dall’OMS e dall’ADA nel 1997:

  • Diabete di tipo 1: include tutti i sottotipi autoimmuni. Il sistema immunitario non riesce a riconoscere le cellule che producono insulina nel pancreas, ostacolando queste a svolgere il loro lavoro in modo appropriato. Si manifesta con sintomi quali, stanchezza e respiro pesante, perdita di peso, polidipsia e aumento della diuresi;
  • Diabete di tipo 2: è la forma più diffusa al mondo, costituendo il 7% solo sul suolo italiano. È anche detto diabete alimentare. Differisce dal tipo 1 nel fatto che è presente una ridotta quantità di insulina, anche detta insulino-resistenza, provocando così un aumento ingente dei livelli di glucosio nel sangue. La sintomatologia è simile a quella di tipo 1, con l’aggiunta di polifagia, cefalea, disturbi della visione e lenta guarigione delle ferite;
  • Diabete gestazionale: si verifica quando il diabete viene diagnosticato nel secondo o terzo mese di gravidanza. Durante la gravidanza, infatti, vengono modificate le produzioni di ormoni, questo porta ad un aumento del peso e in alcuni casi ad una parziale risposta delle cellule all’insulina. Questo tipo di diabete può mettere a repentaglio la salute del feto e della donna, di fatti aumenta del 30% il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Si può manifestare nel 18% delle donne. La giornata mondiale contro il diabete è l’occasione adatta per aprire gli occhi della popolazione su questa malattia. La prevenzione, la diagnosi precoce e la cura immediata e opportuna sono indispensabili per evitare le complicanze dovute ad esso.

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Vaccini ai bambini, si parte a metà dicembre

Vaccinazioni ai bambini da 5 a 11 anni: dopo il via libera dell'Aifa sono fissate per il 13 dicembre...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -