martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaNel nuovo Patto...

Nel nuovo Patto della Salute non sarà più previsto il vecchio modello del commissariamento

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] N[/dropcap]el nuovo Patto della Salute che Governo e Regioni provano a chiudere entro l’estate c’è un punto fermo:
niente più commissari che fino ad oggi intervenivano per ripristinare una sanità dissestata.
Al loro poto, secondo un’anticipazione del Sole 24 ore – ‘compariranno ‘’mini commissari’’ per intervenire sulle singole criticità, dalle liste d’attesa al territorio e un possibile affiancamento da parte delle regioni virtuose per conti e performance- .
Dopo l’uscita dal piano di rientro di Liguria, Sardegna e Piemonte, restano ancora sotto commissariato Abbruzzo, Puglia Sicilia e le quattro più critiche – Lazio, Campania, Calabria e Molise- una terapia d’urto con riduzione del personale, razionalizzazione, tagli dei servizi.
Proprio sui Livelli essenziali di assistenza (Lea) che piani e commissari non hanno sortito lo stesso effetto: lunghe liste d’attesa, disuguaglianze di cura, assistenza sul territorio ancora fermi, sono sì un effetto della mancata attenzione all’organizzazione della sanità ma anche dei tagli a servizi e letti.
Per questo si cercherà di intervenire sulle singole criticità con strumenti e tempi mirati e certi.
Una decisione che trova qualche resistenza dal ministero dell’economia ma l’appoggio di governo e Regioni.
«Siamo d’accordo con le Regioni, non ha più senso un commissariamento generale – avvisa il sottosegretario alla Salute Luca Coletto, come riportato in una dichiarazione al Sole 24 ore -. E anche l’affiancamento con la Regione virtuosa è un’altra opportunità: se c’è la necessità di intervenire può essere un’alternativa all’intervento mirato. Incentivi? Sicuramente vanno previsti. Alla Regione che si affianca va riconosciuto e non necessariamente deve essere finanziario»

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi

Napoli, 28 novembre 2022 Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A...

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...