mercoledì, 1 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeAmbiente e SaluteNasce Chat Yourself,...

Nasce Chat Yourself, la memoria digitale che aiuta i malati di Alzheimer

La malattia di Alzheimer oggi in italia interessa circa 7000 persone, quasi il 5% degli ultra 65enni, e secondo le previsioni dell’ISTAT nel 2030 la percentuale si triplicherà e saranno colpiti dalla malattia ben oltre 2 milioni di pazienti. In attesa di cure efficaci contro l’Alzheimer, una strada percorribile nelle prime fasi dopo la diagnosi è quella di sfruttare le risorse della migliore tecnologia e metterle a disposizione della salute come previsto tra l’altro dal PNRR. A questo proposito, in occasione della Giornata mondiale contro l’Alzheimer è stata presentata a Roma “Chat Yourself”, una memoria virtuale che può offrire un aiuto concreto alle persone che stanno affrontando le prime fasi della malattia, caratterizzate spesso da perdite di memoria e disorientamento spazio – temporale. Il servizio è stato sviluppato attraverso la tecnologia del chatbot, ovvero un software basato su un’intelligenza artificiale in grado di simulare una conversazione intelligente con l’utente su una chat e di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di un individuo, restituendole poi su richiesta all’utente, e che ha anche la possibilità di impostare notifiche personalizzate. Il progetto è stato promosso da Italia Longeva, la Rete nazionale di ricerca sull’invecchiamento e la longevità attiva del dicastero della Salute, con il supporto tecnico di Nextopera e di Facebook e perfezionato grazie ad un team di neurologi, geriatri e psicologi per migliorare la qualità di vita di pazienti, familiari e caregiver.

Come funziona. Attraverso il cellulare in tasca si può gestire la propria memoria di riserva considerato che all’interno di “Chat Yourself” ci sono tutte le informazioni facilmente recuperabili a partire dalla terapia orale da assumere, al tipo di alimentazione da seguire ogni giorno, a come ritornare a casa se ci si è persi; il Servizio infatti utilizza tutte le mappe comunemente conosciute applicandole ai problemi di memoria e di organizzazione mentale dei pazienti affetti da malattia di Alzheimer. Chat Yourself, che è scaricabile e accessibile gratuitamente attraverso la piattaforma di Facebook Messenger, simula una conversazione tra sistema ed essere umano, con l’obiettivo di far recuperare a quest’ultimo informazioni importanti che può avere dimenticato e che necessita di reperire. Basterà quindi digitare la propria domanda (“Come si chiama mio figlio?” “Che pastiglie devo prendere?” “Quando compio gli anni?”) sulla chat, per ricevere una risposta automatica dal sistema.

Convivere con la malattia.  “Chat Yourself” non ha certo la presunzione di curare la malattia, quanto piuttosto quello di mettere le competenze tecnologiche e la creatività a disposizione dei malati di Alzheimer dandogli dignità, possibilità di sconfiggere la paura e di recuperare almeno in parte la propria indipendenza; gli offre un nuovo modo di convivere con la malattia e di affrontare le prime fasi dopo la diagnosi. È in questa ottica che i Fondi destinati al Sistema Salute dal PNRR insieme al Fondo per l’Alzheimer e le Demenze istituito nell’ultima legge di Bilancio di 5 milioni di euro all’anno per il 2021, 2022 e 2023 dovranno essere utilizzati per migliorare la qualità dell’assistenza erogata, potenziare la ricerca scientifica ricerca e tecnologica, investendo nella diagnosi precoce, nelle terapie innovative e per superare le disparità territoriali.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Inaugurata la “Sala Sollievo” presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Piacenza

In un tempo, quale quello attuale, in cui si assiste sempre più frequentemente alla “medicalizzazione” ed “ospedalizzazione” della morte, il Pronto Soccorso assurge sempre più frequentemente a “luogo del morire”. È in tale ottica che nasce la “Sala del Sollievo”,...

Il Supporto nutrizionale in Oncologia. Pubblicato il Position Statement FNOPI-AIOM

La malnutrizione in oncologia è definita come “una malattia nella malattia”. Si calcola che ne siano affetti circa 33 milioni di persone in Europa, con un costo sociale stimato intorno ai 120 miliardi di euro. La valutazione nutrizionale rappresenta...

Open Meeting “i Grandi Ospedali Italiani si confrontano per fare Sistema”

16 Grandi Ospedali italiani nella classifica annuale del Newsweek dei migliori 250 Ospedali del mondo La classifica annuale del Newsweek dei migliori 250 Ospedali del mondo include anche 16 Grandi Ospedali italiani: Policlinico Universitario A. Gemelli, Niguarda, Sant’Orsola-Malpighi, Ospedale San...