martedì, Agosto 9, 2022
No menu items!

Mia moglie è un’infermiera, è la mia eroina

I più letti

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] L[/dropcap]a professione di infermiere come quella del paramedico, è sicuramente una delle professioni più difficili, preziose ma anche gratificanti.
Gli infermieri trascorrono le loro giornate, spesso massacranti, a prendersi cura delle persone nei loro momenti di malattia, sofferenza o guarigione, sono coinvolti emotivamente con i pazienti e i loro familiari e sono al loro fianco per supportarli nei momenti di gioia ma anche di dolore.
Ogni infermiere dopo ogni turno stremante torna a casa, dove ad aspettare c’è la loro famiglia, ma spesso hanno poco tempo da dedicargli perché devono recuperare le energie per affrontare un altro giorno di lavoro.
Si tratta di un lavoro davvero impegnativo, ma allo stesso tempo ammirevole, per questo Philip Urtz ha voluto onorare l’impegno di sua moglie pubblicando un post sui social che è presto divenuto virale.

- Pubblicità -

Philip, originario di Roma (ma vive a New York, ndr) è sposato con Jessica, che di lavoro fa proprio l’infermiera; sua moglie si dedica con passione al proprio lavoro e quando torna a casa seppur stanca ha tempo solo di mangiare un panino e recuperare presto le energie per affrontare un nuovo turno, per questo dopo un normale turno di 14 ore le dedica queste parole:

“Questa nella foto è mia moglie Jessica, sta mangiando un panino dopo un turno di 14 ore, quando finirà andrà subito a letto perché domattina dovrà affrontare un’altra dura giornata. In ospedale lei è al fianco di chi soffre per una malattia, per un incidente, per una frattura o per altro. È l’angelo custode di sorelle, fratelli, amici, famiglie, madri e padri.

Non ha tempo per la pausa pranzo e raramente riesce a trovare un attimo per sedersi. Quando rientra si toglie le scarpe, le stesse che hanno camminato tra lacrime e sangue, desidera solo un attimo di pausa, e io non le domando nulla perché so che non le piace parlare di ciò che ha fatto o ha visto al lavoro. Quello che conta è che lei sappia che se vuole io ci sono per ascoltarla.

A volte mi capita di vederla allegra, altre volte è molto triste, ma a dispetto del suo umore o di come si senta, è sempre pronta per il suo prossimo turno. Mia moglie è un’infermiera straordinaria, è la mia eroina, è l’amore della mia vita e io la amo con tutto il cuore”.

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Vaiolo delle scimmie: al via la distribuzione delle prime dosi del vaccino

Con la pubblicazione di due circolari, il Ministero della Salute ha dato il via alla distribuzione della prima tranche...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -