martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaMedici aggrediti a...

Medici aggrediti a Palermo e a Gela.

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] L'[/dropcap]emergenza coronavirus rischia di oscurare le altre emergenze sanitarie in Italia. Come quelle delle aggressioni nei pronto soccorso.
Medici aggrediti a Gela e Palermo, Ugl: “Emergenza non secondaria anche in Sicilia. Da Roma si pensi ad approvare le norme necessarie e all’invio dell’Esercito”
“Ormai è chiaro a tutti: ci deve scappare il morto, medico o infermiere che sia, prima che qualcuno dalle sedi istituzionali nazionali intervenga per inasprire le pene ed attivare tutti gli strumenti di sicurezza e deterrenza indispensabili?” Se lo chiedono con rabbia, ancora una volta, i segretari regionali delle federazioni Sanità e Medici della Ugl, rispettivamente Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri, dopo essere già intervenuti già in diverse occasioni sulla tematica. “Dopo gli ultimi episodi, avvenuti nei giorni scorsi a Gela ed a Palermo, crediamo che la misura sia ormai parecchio colma e siamo profondamente indignati per il totale livello di indifferenza nei confronti del sempre più crescente fenomeno delle aggressioni al personale in servizio all’interno dei pronto soccorso e dei reparti ospedalieri in Sicilia. Inermi abbiamo scritto pagine di solidarietà nei confronti dei nostri colleghi, chiedendo a Governo nazionale e Parlamento uno scatto di orgoglio a tutela di questi lavoratori che meritano la migliore risposta possibile, ma abbiamo potuto solamente appurare tanta lentezza davanti ad un provvedimento legislativo che, comunque, non andrebbe a risolvere il problema – evidenziano Urzì e Lanteri. Comprendiamo che la situazione legata all’epidemia attuale possa magari aver distratto la maggioranza parlamentare, ma crediamo anche che la questione delle violenze verso il personale sanitario sia un’emergenza non secondaria da affrontare in modo deciso, non solo con norme stringenti ad hoc ma anche con l’ausilio dell’Esercito oggi non più da sottovalutare.”

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi

Napoli, 28 novembre 2022 Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A...

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...