martedì, Ottobre 19, 2021
No menu items!

Match or Life: esordio della nazionale infermieri di calcio

Da non perdere

È ufficialmente partita, lo scorso 30 agosto, la maratona della durata di tre giornate del XXV Premio internazionale Fair Play Menarini. Un’edizione che si è aperta con la partita di beneficenza “Match For Life” durante la quale non sono mancate emozioni, sorprese e illustri ospiti.
L’incontro è stato organizzato dal Comune di Castiglion Fiorentino in provincia di Arezzo a sostegno dei progetti umanitari della Fondazione “Fabrizio Meoni Onlus” presente in Senegal. Una manifestazione tutta all’insegna della solidarietà, che ha generato momenti di profonda commozione nel ricordo del pilota castiglionese Fabrizio Meoni e della figlia Chiara, scomparsa di recente.

L’incontro chiamato appunto “Match For Life” è stato disputato all’interno dello stadio “Emanuele Faralli” di Castiglion Fiorentino ed ha schierato in campo per il fischio d’inizio due formazioni di tutto rispetto. Il Team della Selezione Meoni, capitanato dall’ex ciclista Daniele Bennati, ha potuto contare sulla presenza di personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo del calibro di Amedeo Carboni, Fabio Galante, Guido Carboni, Roberto Muzzi, Evaristo Beccalossi, DJ Ringo, Davide Moscardelli, Giovanni Galli, Francesco Colonnese, Juri Chechi, Stefano Butti, Marco Carrara, Andrea Mangoni, Horacio Erpen, Pino Pellicanò, Massimiliano Benassi, Marco Sansonetti, Paolo Bettini, Alessandro Ballan, Filippo Pozzato, Michele Bartoli, Rinaldo Nocentini, Ivan Basso e Davide Cassani, oltre che su quella di Mario Agnelli, primo cittadino del comune di Castiglion Fiorentino.

Dall’altro lato, a scendere in campo per il suo primo impegno ufficiale, la Nazionale Italiana Infermieri della Federazione Nazionale Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI) che rappresenta in Italia circa 456mila infermieri e che lo scorso anno, proprio sul palco del Fair Play Menarini, è stata insignita del Premio speciale per l’impegno civile e sociale.
Nonostante il delicato periodo infatti, che vede gli Infermieri italiani oramai da oltre un anno e mezzo in prima linea nella lotta contro il Covid-19, gli stessi non sono mancati all’importante appuntamento schierando una squadra mista. Significativa è stata anche la presenza di Sinisa Mihajlovic, simbolicamente nominato commissario tecnico della Formazione infermieristica.

“Siamo orgogliosi di rappresentare la nostra professione anche attraverso l’attività sportiva – spiega il capitano della Nazionale Italiana Infermieri, Daiana Campani, infermiera iscritta all’Albo di Milano-Lodi- Monza e Brianza, attualmente impegnata in un Dottorato di Ricerca in ambito Aging presso l’Università del Piemonte Orientale. Gli infermieri sono campioni nel lavorare in team e giocare una partita di calcio è un modo diverso e divertente di fare squadra e di condividere i nostri valori professionali e umani, portandoci più vicini alle persone al di fuori dei luoghi tradizionali di cura”.
Il primo gol della storia di questa giovane Nazionale è stato segnato da Rocco Di Filippo, iscritto all’OPI Rimini. La partita è terminata 6-5 per la Fondazione Meoni.

Commenti da Facebook
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Ultime notizie

Inquinamento ambientale e Covid: Italia a rischio denatalità

Inquinamento ambientale e Covid sono due elementi che rendono ancora più acuta la denatalità livello planetario (anche in Africa...
- Advertisement -spot_img

Articoli correlati

- Advertisement -spot_img