mercoledì, 1 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeAmbiente e SaluteLa diabetologia italiana...

La diabetologia italiana chiede al Governo parità di accesso per l’arruolamento nei gruppi sportivi militari e nei corpi dello stato delle persone con diabete tipo 1

Con una lettera aperta alle istituzioni governative, parlamentari e al Coni le Società scientifiche e le Associazioni pazienti operanti in ambito diabetologico insieme al Comitato nazionale per i diritti della persona con diabete, ribadiscono la necessità e l’urgenza di garantire equità di accesso delle persone con diabete tipo 1 (di tipo autoimmune) per l’arruolamento nei gruppi sportivi militari e dei corpi dello Stato, oggi ancora preclusa. 
Nonostante siano molti i campioni dello sport con diabete tipo 1 ad aver conquistato medaglie olimpiche, sono tantissimi gli atleti con diabete ai quali viene negata la possibilità di realizzarsi ai massimi livelli sportivi sulla base di disposizioni discriminatorie, anacronistiche e contrarie a principi cardine del nostro ordinamento quali dignità della persona e parità di diritti.

Come specificato nella lettera indirizzata ai Ministri degli Interni, Luciana Lamorgese, della Difesa, Lorenzo Guerini, della Giustizia, Marta Cartabia, della Salute, Roberto Speranza, nonché al Sottosegretario di Stato con delega allo Sport Valentina Vezzali, ai presidenti dell’Intergruppo parlamentare Obesità e Diabete, Roberto Pella e Daniela Sbrollini e al Presidente Coni Giovanni Malagò, il mondo della diabetologia italiana denuncia questa condizione e ne chiede tempestiva revisione, specificando che “tali richieste sono assolutamente legittime dal punto di vista etico, clinico e sociale, pienamente in linea con l’obiettivo della piena fruizione dei diritti da parte della persona con diabete, nonché suffragate da norme che garantiscano il pieno diritto al lavoro alle persone con diabete, come a tutti i cittadini”.
Si sottolinea inoltre che ad oggi, “tutto il mondo della diabetologia italiana è concorde sulla necessità di concreti provvedimenti in tal senso – alla stregua di quanto fatto dal Governo per l’inclusione degli atleti paralimpici nei gruppi sportivi militari e nei corpi dello Stato – che rappresenterebbero un importante segnale culturale per tutto il Paese nell’ottica di una piena inclusione delle persone con diabete nel tessuto sociale e sportivo e del riconoscimento di eguali diritti per tutti i cittadini e in tutti gli ambiti socio-culturali.”
Firmatari della lettera alle Istituzioni Agostino Consoli, presidente Sid, Graziano Di Cianni, presidente Amd, Mariacarolina Salerno, Presidente Siedp, Claudio Cricelli, presidente Simg, Gianni Lamenza, Presidente Adg Italia, Raffaele Scalpone, presidente Aid, Marcello Grussu, presidente Aniad, Stefano Nervo, presidente Diabete Forum, Emilio Agusto Benini, presidente Fand, Antonio Cabras, presidente Fdg, Carolina La Rocca presidente Osdi.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Napoli, Aou Federico II: carenze di professionisti sanitari per formazione e assistenza. Vertice in rettorato.

Fabbisogno di professionisti sanitari al Policlinico Federico II e presso l'Azienda ospedaliera universitaria: dopo il primo incontro avvenuto martedì scorso presso la direzione generale dell'Aou, c'è stato un secondo confronto stamani presso l'ufficio del professor Matteo Lorito, Rettore dell'Ateneo...

Arginina e Vitamina C nel post-Covid , presentato a Napoli lo studio che ne attesta l’efficacia

La pandemia da Covid-19 ha portato a nuove scoperte scientifiche che hanno determinato nell’ambito della spesa sanitaria investimenti su terapie molto costose spesso con limitata efficacia e compliance. La ricerca clinica ha risposto a questo stato di emergenza, oltre...
00:00:58

Mini-telescopio nell’occhio restituisce la vista a 3 pazienti campani: primo intervento nel Sud alla Federico II di Napoli

Nuove speranze di cura nella lotta alla maculopatia senile, che in Italia colpisce circa un milione di persone ed è prima causa di cecità negli anziani, grazie a un dispositivo innovativo che restituisce percezione visiva e autonomia ai pazienti...