lunedì, 28 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaIn Gran Bretagna...

In Gran Bretagna si cercano donatori per Phoebe, una bimba di un anno malata di leucemia

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] C[/dropcap]ome per Alex in Italia solo qualche mese fa, anche in Gran Bretagna si va alla ricerca di un donatore per una bambina molto piccola, Phoebe Ashfield, di appena un anno, affetta da una leucemia linfoblastica.
La piccola ha bisogno di un donatore di cellule staminali per un trapianto che le potrebbe salvarle la vita e la scorsa settimana in 600 hanno accolta la richiesta dei genitori recandosi in due centri specializzati nelle West Midlands per sottoporsi ai tamponi per la tipizzazione.
Se riuscisse a trovare il ‘match’ giusto, potrebbe essere la più piccola ricevente di trapianto.
La diagnosi per Phoebe è arrivata quando lei aveva solo 7 mesi: È iniziato come un raffreddore e un’infezione delle vie respiratore a Natale dello scorso anno – spiega la mamma, Emma Wyke – l’ho portata dal medico e le hanno dato gli antibiotici, ma non passava. L’ho portata al Sandwell Hospital e hanno pensato che fosse anemica a causa del pallore. Ma quando hanno esaminato il sangue, è arrivata la diagnosi. Non sapevo di che tipo fosse fino a quando non ci hanno trasferito al Birmingham Children’s Hospital, dove è stata effettuata la diagnosi”.
Una vita stravolta quella dei giovani genitori Emma e Jordan, 26 anni; quando la chemio non ha dato risultati per la loro figlia, l’unica possibilità era un trapianto di cellule staminali, ma il match con i genitori non è stato possibile, è iniziata allora una corsa contro il tempo e i genitori della piccola hanno ricorso a Facebook per lanciare un appello nella disperata ricerca di un donatore.
Una nuova speranza è arrivata grazie a più di 600 persone che hanno accolto la richiesta di aiuto dei genitori. “E’ stato così travolgente – commenta Emma – che le persone impiegassero del tempo per vedere se erano compatibili con Phoebe. I ringraziamenti non sono abbastanza”.
Dkms, ente di beneficenza che colloca le persone sul registro delle cellule staminali, ha coordinato l’appello. Mamma Emma e papà Jordan ora devono aspettare di scoprire se grazie a qualcuno dei donatori il trapianto può essere effettuato, ma spiegano alla Bbc che “se anche non si salva la vita della bimba, si potrebbe salvare quella di un altro piccolo”.

 

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...

Campania, prescrizioni agli specialisti, si va verso accordo

Soddisfazione dal Sumai Assoprof (Sindacato Unico di Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria) al termine dell’incontro avvenuto tra il presidente del comitato regionale della specialistica ambulatoriale Ferdinando Ferrara, accompagnato da una delegazione del Sumai, e i funzionari della...