lunedì, 6 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeSanitàIl Ministero sceglie...

Il Ministero sceglie il Pascale come primo centro di protonterapia del centro sud

Il finanziamento servirà a colmare il gap esistente sul territorio nazionale per limitare quella quota di pazienti che ancora oggi migra verso il nord per accedere a questo tipo di trattamenti. Il dg Bianchi: "Un attestato di stima che ci inorgoglisce".

Sarà Napoli con il Pascale il primo centro di protonterapia ad aprire sul territorio nazionale nel centro sud, laddove i confini del centro sud si fermano addirittura a Candiolo, in provincia di Torino. Il Ministero della Salute ha infatti concesso all’Istituto dei tumori di Napoli, il finanziamento per la realizzazione del centro di protonterapia che sarà collocato negli spazi adiacenti l’attuale radioterapia del Pascale, dando di fatto ragione a una richiesta avviata dalla direzione strategica del polo oncologico quattro anni fa. Un risultato eccezionale per l’Irccs partenopeo che premia l’Istituto di un’apparecchiatura che potrà trattare i pazienti selezionati a casa propria. Se il centro più a sud di Italia si trova, infatti, a Candiolo, su tutto il territorio nazionale se ne contano soltanto altri due, uno a Trento, l’altro a Pavia. Eppure la protonterapia può essere utilizzata più facilmente in combinazione con la chemioterapia, come trattamento post chirurgico, nella re-irradiazione dopo la radioterapia con raggi x standard e ha sicuramente effetti collaterali inferiori.

Il progetto, che impegnerà circa 36 mesi per la sua realizzazione, potrà colmare quel gap esistente sul territorio nazionale per limitare quella quota di pazienti che ancora oggi migra verso il nord per accedere a questo tipo di trattamenti e sopratutto potrà consentire l’ampliamento dell’arruolamento dei pazienti che oggi risulta essere molto selettiva.

Potranno trarne vantaggio coloro i quali già sono stati sottoposti ad un precedente trattamento radiante o pazienti che hanno una patologia oncologica in sedi molto profonde. La prospettiva è creare una rete affinché tutte le strutture radioterapiche campane e non solo, possano far convergere presso il centro, i pazienti candidabili.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Bollettino covid 3 febbraio 2023

In merito all’andamento della situazione epidemiologica da Covid-19 si specifica che nella settimana 27 gennaio - 2 febbraio 2023 si registrano: ● 33.042 nuovi casi positivi con una variazione di -13,4% rispetto alla settimana precedente (n: 38.168) ● 439 deceduti con...

Giornata contro il cancro, Favo: equità di accesso alle cure

Roma, 2 febbraio 2023 - «Close the care gap». Ovvero: colmare il divario di cura. È questo il tema scelto per il World Cancer Day, la Giornata mondiale contro il cancro organizzata dall’Union for International Cancer Control (UICC) come...

Il presidente Vincenzo De Luca ha incontrato i vertici Soresa

Questa mattina il Presidente della Giunta Regionale ​della Campania Vincenzo De Luca ha incontrato il CdA di Soresa SpA presieduto da Tommaso Casillo, il Direttore Generale Alessandro Di Bello, i direttori operativi e il personale dell'azienda.  "Abbiamo avuto - ha...