martedì, Agosto 16, 2022
No menu items!

Il 2° Congresso FNO TSRM-PSTRP. Il ruolo del Tnpee tra pandemia e prospettive future

I più letti
Giuseppina Della Corte
Giuseppina Della Corte
Nata il 17/12/1991 a Mugnano di Napoli (Na). Laureata nel 2013 in Terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (TNPEE), ho ampliato la miaformazione di terapista prendendo parte regolarmente a corsi di perfezionamento, di aggiornamento, e seminari teorico-pratici. Svolgo la professione di TNPEE in regime libero professionale e mi occupo di divulgazione scientifica. Ho proseguito il percorso accademico conseguendo dapprima la Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie, e poi i Master in “Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie” e "La Ricerca Scientifica in ambito sanitario". Ho ricoperto la carica di Redattore, dapprima della rivista “Psicomotricità” e poi della rivista digitale “Il TNPEE: terapia, prevenzione, formazione, ricerca” di ANUPI TNPEE, di cui ho assolto nell'ultimo anno, il ruolo di Coordinatore della redazione. Ricopro inoltre gli incarichi di membro del Consiglio Direttivo e Vice-presidente della Commissione d’Albo deiTNPEE all’interno dell’Ordine TSRM-PSTRP di Na-Av-Bn-Ce.

Dal 19 al 21 novembre presso il Palacongressi di Rimini si è tenuta la seconda edizione del Congresso della Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (Fno tsrm-pstrp). La manifestazione è stata aperta dal ministro della salute Roberto Speranza il quale nel ricordare l’impegno straordinario delle 19 professioni sanitarie del maxi-Ordine durante l’emergenza pandemica, ha definito queste «le professioni del futuro». Un futuro, quello della sanità, che potrebbe trovare forma e sostanza nella realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), filo conduttore dell’evento congressuale. La Presidente della Fno tsrm-pstrp Teresa Calandra ha aggiunto al riguardo che immagina «una sanità che funzioni, in cui tutte le professioni danno il loro contributo».

- Pubblicità -

L’apporto del Tnpee al Congresso

All’interno di tale importante cornice, diversi sono stati i contributi esposti dalle professioni sanitarie, e portati all’attenzione dell’ampia platea con il fine ultimo di dimostrare che è possibile riformare il sistema sanità-salute.  

I terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (Tnpee), attraverso l’esposizione di varie esperienze territoriali, hanno dimostrato che la pandemia non ha fermato il lavoro che da sempre viene svolto a tutela dei più piccoli. Ricorrendo a forme di telecomunicazione e teleriabilitazione, i Tnpee sono riusciti ad “entrare” nei contesti abitativi, aiutando i pazienti e supportando le famiglie nel loro ambiente di vita.

L’impegno messo in campo nei difficili mesi di chiusure e restrizioni ad oggi va allineandosi con l’esigenza di potenziare la sanità anche in termini di prossimità, decisiva secondo il ministro Speranza «per il futuro dell’assistenza sanitaria, della telemedicina e del territorio».

Le parole di Bonifacio e Santiani

La rilevanza del Congressoquale primo momentodi incontro e confronto del post-lockdown tra le 19 professioni ci è stata confermata anche da Andrea Bonifacio, Presidente della Commissione d’albo nazionale dei Tnpee, e Giulio Santiani, Presidente dell’Associazione nazionale unitaria terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva italiani (Anupi-tnpee), intervistati proprio durante l’evento.

«Il Congresso di Rimini si è presentato ufficialmente come il primo momento in cui si sono incontrati in presenza gran parte delle attuali realtà nazionali e territoriali del nostro Ordine – ha spiegato Bonifacio-. Un’occasione che ha di fatti reso possibile discussioni e scambi tra molti professionisti e che ha evidenziato anche l’enorme lavoro che ci aspetta al fine di costruire legami forti e una rappresentanza politica tali da poter rispondere alle molteplici esigenze delle 19 professioni coinvolte». L’imminente futuro dell’assistenza sanitaria quindi, richiederà anche azioni congiunte finalizzate a risolvere quelle criticità territoriali e nazionali che gravano sull’esercizio professionale.   

Infine Bonifacio ha portato l’attenzione sulla qualità delle esperienze presentate dai Tnpee all’evento congressuale, cui riconosce l’alto valore scientifico raggiunto.

A rimarcare l’importanza di tale traguardo è intervenuto Giulio Santiani, il quale ha dichiarato che «l’aver partecipato come Associazione tecnico-scientifiche (Ats) nella tre giorni congressuale ha confermato l’opportunità di porre le basi per un sistema di collaborazione Ordine-Ats che, procedendo su binari convergenti rispetto all’obiettivo di crescita della professione, esalti le differenti potenzialità rispetto alle diverse mission, nella comune finalità di offrire una sempre migliore qualità di servizi al cittadino».

Il Congresso nazionale, di fatti, è stata anche l’occasione in cui la Federazione ha incontrato le Ats delle professioni sanitarie per confrontarsi sul ruolo di quest’ultime con l’entrata in vigore della legge 24/2017. «La partecipazione al Congresso sia nel dibattito ufficiale che con uno spazio fisico di incontro con i Tnpee presenti all’evento – ha proseguito Santiani con soddisfazione- ha permesso infatti di confermare l’utilità di un sinergico procedere delle istanze ordinistiche con le attualità scientifiche di ogni singola professione».

Nell’ambito della manifestazione quindi, numerosi e diversi sono stati i temi discussi, le esperienze riportate e gli spunti di riflessione, i quali sono apparsi accomunati da due esigenze: considerare il Pnrr un’opportunità da cogliere e sfruttare in pieno, e condividere il più possibile.

Abbiamo un Sistema sanitario il cui valore è accresciuto con l’esperienza pandemica e che attraverso mirati e congiunti interventi riformativi potrebbe diventare il reale punto di forza, oltre che traino del nostro Paese.

Migliorare e potenziare l’assistenza dei minori è sicuramente uno degli aspetti da far rientrare in tali provvedimenti, ed appare chiaro che al centro di questi debba essere posto il Tnpee, esperto dell’età evolutiva in grado di ricoprire un ruolo strategico, sia per ambiti lavorativi che per contesti operativi. 

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Africa, aumenta la vita media ma il Covid rischia di vanificare tutto

L’aspettativa di vita in buona salute nella regione africana è aumentata in media di 10 anni per persona nel...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -