domenica, Dicembre 5, 2021
No menu items!

Il 16 Ottobre : Giornata Mondiale dell’Alimentazione

I più letti


Gli studi scientifici lo dimostrano: la salute si costruisce a tavola, sulla base del cibo che mangiamo. Con il termine Dieta, che deriva dal greco “δίαιτα” si intende “modo di vivere” e racchiude il complesso delle norme di vita quali: alimentazione, attività fisica, riposo ecc. atte a mantenere lo stato di salute. E’ dunque fondamentale dare importanza a una dieta varia ed equilibrata, caratterizzata dall’assunzione bilanciata dei vari nutrienti (macro e micro). L’azione combinata di errate abitudini alimentari (ma anche la vita sedentaria, il fumo di sigaretta ecc.) con le predisposizioni eredo-familiari, facilita lo sviluppo di alcune malattie come obesità, ipertensione arteriosa, dislipidemie, ecc. e l’insorgenza di alcuni tumori impattando sia sul benessere e sulla qualità della vita che sul costo sanitario.

- Pubblicità -

Di fronte a questo scenario preoccupante, c’è urgente bisogno di una strategia appropriata per aumentare la consapevolezza delle persone sul rapporto tra scelte alimentari e salute. Per tale ragione, bisogna parlare sempre più di sana, corretta e sostenibile alimentazione. In tale contesto, la dieta mediterranea rappresenta un riferimento per un’alimentazione sana ed è stata riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio immateriale dell’umanità.

La caratteristica della dieta mediterranea è la presenza dei prodotti del mediterraneo e tanti studi scientifici hanno dimostrato che tale dieta protegge dalle patologie cardiovascolari e dal cancro, in quanto ricca di alimenti di origine vegetale. È una dieta più ecologica e più in armonia con il nostro ambiente e le nostre tradizioni. Si basa sull’incremento dei prodotti di origine vegetale e sulla riduzione di quelli animali; il consumo di frutta e verdure, infatti, garantisce un alto contenuto di vitamine e minerali e di fibra che contribuisce ad aumentare il senso di sazietà e regolare il microbiota intestinale. L’uso di condimenti, come l’olio d’oliva ed il consumo di pesce azzurro, apportano grassi in proporzioni più salutari; i cereali e i legumi come fonte di carboidrati (pasta, pane ecc.) facilitano l’adesione ad una dieta a basso contenuto di grassi animali e se scelti tra quelli a basso indice glicemico aiutano a regolare la glicemia ed il grado di infiammazione. Inoltre un piatto di pasta con legumi potrebbe sostituire, per il loro contenuto in aminoacidi, una fetta di carne. Al fine di rendere comprensibili e fruibili i principi della Dieta Mediterranea, per permettere alla popolazione di passare dalla teoria alla pratica, è stata messa a punto la Piramide Alimentare Mediterranea realizzata in collaborazione con numerosi enti internazionali e un ampio gruppo di esperti di varie discipline.

Un altro utile strumento di comunicazione per agevolare l’attuazione di sane abitudini alimentari (frequenza e qualità del consumo dei cibi) è rappresentato dalla Piramide della Salute. Una corretta alimentazione prevede un giusto equilibrio tra i nutrienti: proteine, carboidrati, grassi e micronutrienti, e un adeguato frazionamento dei pasti nella giornata (5 pasti: colazione, pranzo, cena e due spuntini). Per evitare di appesantire troppo i pasti, si consiglia di preparare piatti unici, che, con un’unica pietanza apportano CHO, grassi di buona qualità (vegetai) e proteine in quantità adeguate a soddisfare i fabbisogni unendo cereali e tuberi con alimenti proteici, sempre da accompagnare con le verdure. Per poter effettuare le scelte alimentari più salutari è bene stilare una lista della spesa oculata e ponderata che favorisca alimenti il più possibile naturali, evitando gli alimenti processati, ultra processati e le bevande zuccherine.

Decalogo per un corretto stile di vita

• Non saltare mai la prima colazione per avere energia per affrontare la mattinata
• Non saltare mai gli spuntini, non avrai cali di glicemia e non arriverai affamato a pranzo e a cena
• Fai attenzione ai condimenti: usa grassi vegetali e non superare i 3-4 cucchiai di olio al giorno
• Mastica bene. Durante la masticazione si ha una prima digestione del cibo a livello della bocca grazie alla ptialina, un enzima presente nella saliva
• Non eliminare pane e pasta, sono alimenti che danno sazietà e se consumati in porzioni che rispettano il fabbisogno per età, non sono eccessivamente calorici
• Consuma verdura a pranzo e cena
• Limita il consumo di alcool
• Assumi pesce almeno due-tre volte la settimana
• Bevi 2 litri di acqua al giorno per la giusta idratazione
• Coinvolgi i tuoi bambini in cucina nella preparazione di ricette sane e gustose. I bambini saranno spronati all’assaggio ed apprezzeranno la ricetta da loro stessi preparata
• Mantieni il peso entro i limiti della normalità
• Puoi rispettare la tua identità culturale consumando gli alimenti fondamentali della tua cultura, nell’ambito di una carretta alimentazione
•Fai 20 minuti al giorno di esercizio fisico aerobico

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Vaccini ai bambini, si parte a metà dicembre

Vaccinazioni ai bambini da 5 a 11 anni: dopo il via libera dell'Aifa sono fissate per il 13 dicembre...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -