venerdì, Agosto 19, 2022
No menu items!

I Benefici dello smettere di fumare

I più letti

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] I[/dropcap]l tabacco provoca un numero maggiore di decessi rispetto a quelli causati da alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. Il tabacco, contenente oltre 40 sostanze cancerogene, è una causa nota o probabile di almeno 25 malattie, tra le quali broncopneumopatie croniche ostruttive ed altre patologie polmonari croniche, cancro del polmone e altre forme di cancro, cardiopatie, vasculopatie.
Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il fumo di tabacco è la più grande minaccia per la salute e il primo fattore di rischio delle malattie croniche non trasmissibili a livello mondiale, infatti stima che il consumo di tabacco uccida attualmente quasi 6 milioni di persone ogni anno. Tale cifra potrebbe raggiungere gli otto milioni entro il 2030 in assenza di provvedimenti volti a invertire questa preoccupante tendenza. Esistono tanti buoni motivi per smettere di fumare;

PER LA PROPRIA SALUTE

- Pubblicità -

Il motivo principale per uscire dalla dipendenza del tabacco è quello di salvaguardare la propria salute proprio perché il fumo è la principale causa di malattie cardiovascolari e casi di tumore al polmone, gola, inoltre aumenta il rischio di cancro al seno, alla vescica, all’intestino e altri organi. Questo perché le sostanze cancerogene attraverso il fumo inalato, possono raggiungere organi lontani dalle vie aeree.

PER SALVAGUARDARE CHI CI STA VICINO

Chi si trova vicino ad un fumatore è costretto a inalare 4.500 sostanze chimiche, di cui più di 60 cancerogene. Una di queste è il benzene, che favorisce l’insorgenza di leucemie. L’effetto dell’insieme di queste sostanze fa sì che le persone esposte abitualmente al fumo passivo abbiano un rischio di cancro e malattie cardiache superiore alla media. I danni sono ancora maggiori per i piccoli: i bambini esposti al fumo passivo corrono un rischio superiore ai loro coetanei di andare incontro a bronchiti, polmoniti, attacchi di asma, otiti e meningiti. Per i neonati, poi, aumenta il pericolo di morte in culla.

PER UN FATTORE ECONOMICO

Fumare oltre che dannoso per la propria salute e dei propri cari è anche dannoso per il proprio portafogli! Basta pensare a quanto ammonterebbe la spesa in base al consumo e agli anni trascorsi. Fare questo calcolo a volte può farci riflettere su quanto si avrebbe risparmiato. Ad esempio, una persona che fuma circa un pacchetto di sigarette al giorno, una volta eliminato il fumo può arrivare a risparmiare fino a più di 1800 euro all’anno!

MIGLIORARE L’ASPETTO FISICO E SENTIRSI LIBERI

Il fumo crea una dipendenza, la necessità che si prova nel dover fumare non è che una vera e propria schiavitù. Inoltre, oltre ad avere effetti negativi all’interno nel nostro, questi si sviluppano anche esteriormente; denti gialli e alito cattivo, macchie di nicotina sulle dita, pelle spenta. I benefici dopo aver smesso di fumare sono percepibili già dopo i primi 20 minuti!
Secondo l’Oms infatti:

  • Dopo 20 minuti, La pressione arteriosa e la frequenza cardiaca tornano nella norma
  • Dopo 8 ore, scende il livello di anidride carbonica nel sangue e si normalizza il livello di ossigeno nel sangue
  • Dopo 24 ore, I polmoni cominciano a ripulirsi dal muco e dai depositi lasciati dal fumo riprendendo la loro normale attività e diminuisce il rischio di attacco cardiaco.
  • Dopo 48 ore, l’organismo comincia a liberarsi dalla nicotina e riprende a recuperare gusto e olfatto. Questo è l’apice dell’astinenza da nicotina e uno dei momenti più duri per un fumatore che ha appena smesso di fumare.
  • Dopo 3 giorni, Si comincia a respirare meglio e a recuperare energia.
  • Dopo 2-12 settimane, La circolazione del sangue migliora così come la funzione polmonare. Camminare risulta molto meno faticoso,
  • Dopo 3-9 mesi, Diminuiscono affaticamento, respiro corto, e altri sintomi come la tosse, aumenta il livello generale di energia.
  • Dopo 1 anno, Il rischio cardiovascolare si è dimezzato rispetto a quello di chi continua a fumare.
  • Dopo 5 anni, Diminuisce il rischio di contrarre un tumore ai polmoni,
  • Dopo 10 anni, Le cellule precancerose vengono rimpiazzate e si dimezza del 70% il rischio di contrarre tutti i tumori dell’apparato respiratorio.
  • Dopo 20 anni, Il rischio di malattie e mortalità in molti casi è tornato pari a quello di chi non ha mai fumato o comunque è dimezzato (dipende da molti fattori, tra cui il numero di sigarette fumate e gli anni in cui si è fumato).

Qual è il momento migliore per iniziare a smettere di fumare? Adesso!

A prescindere dall’età uscire subito da questa dipendenza riduce i rischi:

  • A 30 anni: si guadagnano circa 10 anni di aspettativa di vita
  • A 40 anni: 9 anni in più
  • A 50 anni: 6 anni di vita in più
  • A 60 anni: 3 anni di aspettativa di vita in più
Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Sovraffollamento accessi del Pronto soccorso dell’Azienda “Moscati”:nelle ultime 48 ore accesi in netto calo Revocata la disposizione inviata al 118

Tremilaottocentocinquanta accessi dal 18 luglio al 18 agosto; di questi, il 53% (circa 2mila accessi) avrebbe potuto sicuramente trovare...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -