lunedì, 6 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeSanitàGoverno della Salute,...

Governo della Salute, fabbisogno del personale e assistenza sul territorio

L'Osservatorio Centro Studi di Motore sanità riaccende i fari con due nuovi tavoli di confronto

In questi giorni stiamo assistendo a proteste veementi ed in qualche caso anche dure da parte dei medici francesi per la difesa del sistema sanitario pubblico : tutelare i medici, rendere adeguate le dotazioni di personale, valutare attentamente i fabbisogni di personale nelle diverse aree disciplinari, intervenire subito sulle ricadute più acute delle carenze con adeguamenti retributivi e di carriera, incidere sulla formazione, rendere attrattivi i servizi salvavita sguarniti del 118 e dei pronto soccorso, potenziare la medicina del territorio puntando, nei Piani del Pnrr, su reti ospedaliere a intensità di cura, sulla continuità ospedale territorio e sulla revisione della governance del rapporto di convenzione di MMg e Pls con il coinvolgimento delle Università per la parte che riguarda la formazione: sono tutte azioni che in Italia potrebbero aiutare a difendere il Servizio sanitario pubblico prima che la situazione diventi ingovernabile.

PROGRAMMAZIONE DEL PERSONALE

L’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità – organismo indipendente e Centro studi sui temi della Salute, della sostenibilità del Ssn e sulla programmazione di interventi per la riforma della Sanità pubblica e privata in Italia, propone un tavolo comune per affrontare in maniera coordinata i problemi più urgenti. Dopo la presentazione, all’ inizio dello scorso dicembre, di 10 punti prioritari di discussione, alcuni condivisi anche da esponenti della maggioranza in Parlamento (tra cui la necessità di arrivare al 7 per cento del Pil per la Sanità da raggiungere anche nel corso dell’anno) l’Osservatorio propone ora di mettere a fuoco in singoli tavoli di lavoro tematici ciascuno dei punti del decalogo inizialmente proposto.
Dopo il pensiero n. 1, relativo al sottofinanziamento del Ssn già approfondito a Roma presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria in Piazza della Minerva, l’Osservatorio si prepara ad accendere i fari sulla programmazione del numero degli operatori sanitari. Un modo per tirare il freno alle continue fughe di camici bianchi, giovani e meno giovani, verso il privato tutelando le aree disciplinari più esposte e sguarnite della anestesiologia e della medicina e chirurgia di urgenza e di altre aree carenti che riguardano anche altre specialità.

LA MEDICINA DI FAMIGLIA

Fari puntati poi sulla revisione della governance sul rapporto di convenzione coi MMG e PLS: il rapporto della medicina generale con i servizi sanitari nazionali è peculiare in ogni paese europeo. Tra rapporto libero professionale e dipendenza la medicina generale si differenzia in Europa per lo status, la governance, la remunerazione e i compiti affidati. La progettualità del PNRR con le Case di comunità e gli Ospedali di comunità ha già esempi in paesi come la Spagna ed il Portogallo ove i MMG sono dipendenti del rispettivo SSN.

In Italia il progetto della Case si Comunità è partito con un accordo con i MMG ed i PLS nell’ambito della attuale convenzione ma i risultati sono altalenanti sebbene nelle varie regioni ci siano esperienze di buone pratiche articolate soprattutto attorno al presidio irrinunciabile delle cure domiciliari che fanno della casa del paziente il principale e primo luogo di cura per prevenire le cronicità ed evitare ospedalizzazioni improprie. La realtà italiana è unica per una remunerazione statale ma con uno status libero professionale, un ruolo di gate keeper senza un reale controllo dell’operato in assenza di validi indicatori di performance.
Va inoltre ricordato che in molti paesi europei la disciplina del general practicioner è caratterizzata da una formazione universitaria che ne delinea lo status di specialità, con una componente di formazione anche in medicina d’urgenza come accade per esempio in Spagna, per garantire la presa in carico temporanea dei pazienti con acuzie e la gestione domiciliare di casi complessi e dei codici di bassa intensità nelle case di Comunità o negli studi associati.

I TAVOLI DI LAVORO

Per riflettere sulla programmazione e remunerazione da adeguare ai fabbisogni incentivandoli alla professione
e sulle possibili soluzioni del potenziamento del territorio in vista della applicazione del PNRR – che non potrà decollare senza una revisione del rapporto convenzionale con la medicina generale e pediatria di libera scelta – l’Osservatorio di Motore Sanità organizza due tavoli di confronto e approfondimento con i principali attori del servizio sanitario nazionale con gli esponenti di tutte le Regioni

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Indennità ai familiari dei deceduti per Covid: domande entro il 4 marzo

Indennità a favore dei familiari superstiti degli esercenti le professioni sanitarie, degli assistenti sociali e degli operatori socio-sanitari deceduti per effetto o come concausa del contagio da Covid-19. La presidente della FnO Tsrm Pstrp Teresa Calandra e il tesoriere...

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica centro di eccellenza

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione Campania come centro di riferimento dell’interventistica neuroradiologica mini-invasiva endovascolare e spinale. La Neuroradiologia interventistica è la branca della radiologia che permette di operare su vasi cerebrali...

Violenza in corsia, il 2023 inizia con una nuova escalation

Mi dovete visitare altrimenti sfascio tutto. Pretende di essere visitata per prima e sfascia il pronto soccorso. Follia a Villa Betania a Napoli dove viene inanellata la aggressione n. 2 del nuovo anno al personale sanitario dopo le 68...