mercoledì, 27 Settembre, 2023

Giornalesanità.it

In lutto la medicina...

Gabriella Fabbrocini, 58 anni, docente ordinario di Dermatologia dell’Università Federico II è morta...

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...
HomeCronacaFurbetti del cartellino,...

Furbetti del cartellino, 33 condanne e 51 assoluzioni

Borrelli (Europa Verde): "chi ha sbagliato deve essere allontanato dal pubblico impiego. Ci auguriamo che i reati non vadano tutti in prescrizione".

Trentatre condanne, per circa 62 anni e mezzo di carcere, una anche a tre anni di reclusione, e 51 assoluzioni. Si conclude così il processo di primo grado nei confronti di 84 imputati, medici e infermieri dell’ospedale Loreto Mare di Napoli, finiti davanti alla prima sezione penale del Tribunale di Napoli nell’ambito del cosiddetto processo ai “furbetti del cartellino”.

L’inchiesta della Procura di Napoli si concluse con l’esecuzione di una raffica di misure cautelari nel 2017 nei confronti di medici, infermieri e personale amministrativo tenuti sotto controllo dalle telecamere dei carabinieri e quindi sorpresi mentre timbravano il badge per poi allontanarsi dal nosocomio anche solo per sbrigare faccende personali. e anche per andare a giocare a tennis.

Ci sono voluti 5 anni per avere una sentenza di primo grado e per alcuni sono già scattate le prescrizioni. Alcuni dei condannati dopo essere stati sospesi sono tornati a lavorare nella pubblica amministrazione, qualcuno è stato coinvolto in altre inchieste gravi. Chi lavora nel pubblico dovrebbe essere esemplare ancor di più se nel settore sanitario e invece questa vicenda ci ha mostrato la faccia peggiore di chi tradisce il proprio dovere verso l’utenza. Ci auguriamo che i processi di appello siano celebrati rapidamente e che tutti i colpevoli di questa vergogna siano mandati via una volta e per tutte dal pubblico impiego” lo dichiara il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che portò avanti una dura battaglia contro i “furbetti del cartellino”.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Approvazione ieri in Parlamento, grazie al lavoro dell’Integruppo Parlamentare Malattie Rare e Oncoematologiche con UNIAMO, FAVO e AIL

La mozione presentata in Parlamento grazie al lavoro dell’Intergruppo Parlamentare Malattie Rare e Oncologiche e delle Federazioni UNIAMO e FAVO e AIL, è stata approvata all’unanimità, con particolare focus su diagnosi precoce, accesso ai farmaci e partecipazione delle associazioni...

In lutto la medicina campana, muore Gabriella Fabbrocini, ordinario di Dermatologia della Federico II di Napoli

Gabriella Fabbrocini, 58 anni, docente ordinario di Dermatologia dell’Università Federico II è morta stamattina nella sua casa a Napoli dove è tornata in ambulanza dopo essere stata dimessa giovedì sera dall’Istituto Pascale di Napoli in condizioni disperate a causa...

Malattie rare: al Bambino Gesù 20 reti europee e 23 centri di riferimento regionali

Il Bambino Gesù partecipa a 20 Reti Europee (ERN) ed è il riferimento per 23 Centri della Rete Regionale del Lazio per le malattie rare. Alla vigilia della Giornata Mondiale delle Malattie Rare del 28 febbraio, l’Ospedale annuncia l’apertura di un percorso dedicato alla...