martedì, Agosto 16, 2022
No menu items!

Formarsi in pandemia: le emergenze neuropsichiatriche infantili

I più letti
Antonella Paccone
Antonella Paccone
Nata a Napoli il 03 Giugno 1987 attualmente dipendente dell’Azienda di Rilievo Nazionale “Azienda Ospedaliera dei Colli”, dove svolge il ruolo di Dr.ssa TSRM nella UOC di Radiologia del P.O. V. Monaldi e referente del servizio di Radioprotezione. Laurea Triennale in Tecniche Sanitarie di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia LT/SNT3nel 2008. Master di Primo livello in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie nel 2010. Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche LM/SNT3 nel 2013. Master di Secondo livello in “Management delle Aziende Sanitarie”. Presidente della Commissione di albo Tecnici sanitari di radiologia medica presso Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta dal 2019. Componente Commissione di albo nazionale Tecnici sanitari di radiologia medica presso la Federazione Nazionale Ordini dei TSRM e PSTRP dal 2020. Componente del Comitato Scientifico Del Provider Nazionale Educazione Continua in Medicina - Ordine TSRM e PSTRP NA - AV - BN - CE N° 1653 dal 2011. Coautrice di numerosi articoli scientifici di settore in ambito internazionale dal 2009 Membership di Società Scientifiche Internazionali specifiche del settore quali. ISSRT ESRMRM- ESRI-ESR

Si è svolto il 12 gennaio scorso un incontro formativo sulle Emergenze neuropsichiatriche infantili peri e post pandemiche. L’evento patrocinato da numerose istituzioni politiche e sanitarie è stato organizzato e promosso da Fulvio D’Amico, consigliere della Segreteria regionale della Società italiana di Neuropsichiatria infantile della regione Campania presso l’auditorium OmCeo Napoli della Riviera di Chiaia.

- Pubblicità -

Fari puntati sulla didattica a distanza e i e disturbi dell’alimentazione come valvola di sfogo di un disagio dei più giovani maturato in questa epoca pandemica. Ovvero dalle ripercussioni del distanziamento sociale fino alle necessità territoriali ed ospedaliere post pandemiche nell’ambito della neuropsichiatria infantile. L’evento è stato caratterizzato dalla partecipazione di diversi esponenti del campo con un approccio multidisciplinare agli argomenti trattati.

Dottor D’Amico, siamo tornati ad un momento formativo in presenza?
L’incontro tra professionisti non virtuale, accende aree del nostro apparato cognitivo indispensabili all’attenzione condivisa ed all’apprendimento. Questo vale per noi adulti e professionisti ed anche per i bimbi nella “frequentazione” scolastica.

Quanto pensa sia importante la formazione continua in medicina e soprattutto quanto questa può avere un peso, anche alla luce delle recenti novità in termini di legge, sulla responsabilità professionale?
La scienza medica è in continua e rapida evoluzione: come abbiamo avuto modo di verificare anche solo in questi due anni di pandemia solo la formazione continua può assicurare un adeguamento della risposta assistenziale. Non dimentichiamo che un’assistenza secondo linee guida aggiornate su dati di letteratura scientifica internazionale, assicura – al netto di una conduzione clinica Ippocratica – maggiori tutele sulla responsabilità professionale.

Qual target formativi per la Società italiana di Neuropsichiatria infantile?
Sia in ambito regionale che nazionale la Sinipia deve rispondere all’incremento di incidenza e prevalenza dei disturbi psichiatrici in età evolutiva. Nel mentre, auspicabilmente, che le risorse umane e strutturali vengono rinforzate dalle nuove progettualità, è indispensabile la formazione dei professionisti in coerenza con quest’altra epidemia nella salute mentale.

Le emergenze in ambito neuropsichiatrico quali ripercussioni avranno sulla società e sui giovani in particolar modo?
Le ripercussioni su società e giovani sono già in atto. Ci troviamo in un’era antropologicamente definibile come era pandemica. È in corso una rivoluzione di logistica e ritmi di vita per i bambini e gli adolescenti; si stanno strutturando purtroppo nuovi significati di vita sociale e relazionale, anche con mezzi talvolta impropri. Insomma il malessere esistenziale pervade tutti noi, ed i più fragili maggiormente.

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Africa, aumenta la vita media ma il Covid rischia di vanificare tutto

L’aspettativa di vita in buona salute nella regione africana è aumentata in media di 10 anni per persona nel...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -