martedì, 29 Novembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaDonazione del corpo...

Donazione del corpo post mortem, Pd e Lega insistono su alcune modifiche

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] L[/dropcap]a proposta di legge sulla donazione di corpi e tessuti post mortem a fine di studio, formazione e di ricerca scientifica, dopo l’approvazione in Senato avvenuta ad aprile, adesso va verso un’approvazione senza modifiche in Commissione Affari sociali. Nel frattempo Pd e Lega insistono su due modifiche in particolare. Una che riguarda l’articolo 1, che prevede la donazione del corpo dopo almeno 24 ore dalla dichiarazione di morte. In questo modo però spiegano, si riducono le possibilità di condurre ricerche al cervello, per le quali bisogna agire nelle ore immediatamente successive al decesso. L’altra invece, riguarda modifiche all’articolo 4, sui centri di riferimento, in quanto con l’attuale proposta, si precluderebbe la possibilità di condurre ricerche anche da parte di numerosi centri di eccellenza.

Il disegno di legge

Da quanto si può leggere dal disegno di legge, la donazione del corpo post mortem è una pratica indispensabile per la medicina e la chirurgia principalmente, non solo per lo studio ma soprattutto per la messa in pratica di interventi complessi e sperimentazione di nuovi approcci medici. Ad oggi, in Italia lo studio su organi è possibile solo dopo che questi vengano espiantati poco dopo morte accertata ma il limitato numero di donazioni blocca la realizzazione di studi e ricerche su organi da cadavere. La donazione del corpo intero post mortem, permetterebbe di migliorare la ricerca direttamente su un modello umano e richiede, come procedura, l’espressa volontà del donatore e che non ci sia la necessità di autopsia.

  • L’articolo 1 disciplina la donazione del corpo post mortem a fini di studio, di ricerca scientifica e di formazione.
  • L’articolo 2 dispone in merito alla promozione dell’informazione ai cittadini delle disposizioni della nuova legge.
  • L’articolo 3 stabilisce le forme e i modi della scelta di donazione del proprio corpo, che devono essere espressi in materia chiara e inequivocabile e per iscritto.
  • L’articolo 4 stabilisce i centri di riferimento per la conservazione e l’utilizzazione dei corpi dei defunti.
  • L’articolo 5 determina le modalità e i tempi di restituzione della salma. I centri di riferimento che hanno ricevuto in consegna per fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica il corpo di chi ne ha fatto richiesta, sono tenuti a restituire il corpo stesso alla famiglia in condizioni dignitose entro dodici mesi dalla data della consegna.
  • L’articolo 6 stabilisce che la donazione del corpo post mortem non può avvenire a fini di lucro.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi

Napoli, 28 novembre 2022 Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A...

Alluvione di Ischia, dichiarazione del presidente De Luca

"La Regione Campania ritiene necessario chiedere lo stato di emergenza per l’isola di Ischia e i territori colpiti da questi eventi atmosferici disastrosi.Esprimo il ringraziamento alle forze della Protezione Civile regionale e nazionale, alle Forze dell’ordine, ai volontari, al...

Frana a Casamicciola: Ordini delle professioni sanitarie pronti ad aiutare

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a cooperare per aiuto soccorsi e assistenza". Così Franco Ascolese che ha messo a disposizione il propio aiuto ai soccorsi impegnati a Ischia per prestare soccorso dopo...