giovedì, 8 Dicembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaDDL violenza operatori,...

DDL violenza operatori, Troiano (M5S): riconoscenza vada oltre l’emergenza. Diamo risposte a chi da tempo chiede aiuto

“Mai come in queste settimane si parla di operatori sanitari e della loro sicurezza, ma la loro tutela va ben oltre quella che oggi ci sembra circoscritta all’emergenza in corso. La violenza contro medici e operatori ha raggiunto negli ultimi tempi dimensioni epocali: basti pensare che nel 2019, il 66% dei dottori ha subito violenze verbali e fisiche sul proprio posto di lavoro. Parliamo di una media di 10 episodi al giorno, con una concentrazione di oltre il 72% nelle regioni del Sud. La politica ha l’obbligo di consentire a queste figure professionali di svolgere la loro attività in sicurezza in ogni circostanza, e va dato atto all’ex ministro della Salute Giulia Grillo di non aver perso tempo nell’affrontare questo grave problema, da sempre all’attenzione del MoVimento 5 Stelle”.

Lo dichiara Francesca Troiano, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali, intervenendo in Aula durante la discussione generale del cosiddetto “ddl aggressione medici”.

“Durante l’esame nelle commissioni referenti si è intervenuto per inasprire le pene nei casi di lesioni gravi e gravissime, estendere la tutela a tutti gli operatori sanitari, nell’esercizio delle loro funzioni o a causa di queste. Fondamentale, inoltre”, sottolinea Troiano, “l’aver previsto la procedibilità d’ufficio quando ricorre l’aggravante del fatto commesso con violenza o minaccia, e l’estensione alle professioni sanitarie di tutte le tutele per il pubblico ufficiale, senza generare un impatto irrazionale nel nostro sistema penale, che non contempla l’attribuzione dello status di pubblico ufficiale per singole categorie”.“In queste settimane drammatiche l’intero Paese è solidale e ringrazia la categoria dei sanitari: ma la riconoscenza non può esaurirsi a questa fase, e la politica deve fare la sua parte. Questo disegno di legge è un primo grande passo per dare risposte a chi da troppo tempo chiedeva aiuto”, conclude Troiano.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Ordine dei Fisioterapisti, si parte

Ordine dei Fisioterapisti: con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale (serie generale n.280 del 30 novembre del 2022) è ai nastri di partenza il nuovo Ente autonomo nato dalla gemmazione dall’Ordine delle professioni sanitarie Tsrm Pstrp con il decreto dell’8...

Trovato il corpo senza vita di Andrea Calcaterra, il medico 51enne di Trecate scomparso dal 15 novembre scorso

Il corpo senza vita di Andrea Calcaterra - medico 51enne di Trecate (Novara) che risulta scomparso dal 15 novembre scorso - è stato trovato dalle squadre di ricerca poco distante dalla sua auto, che era parcheggiata nei boschi di...

Il Pascale sigla accordo con il Congo

Napoli, 6 dicembre 2022La serata di ieri sera, nella magnifica cornice del teatrino di corte di Palazzo reale, può racchiudersi tutta nell’abbraccio tra il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi e il console del Congo a Napoli, Angelo Melone....