sabato, 28 Gennaio, 2023

Giornalesanità.it

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...

Da oggi il Ministero della Salute non comunica più i dati giornalieri sul Covid

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l’idea che la situazione epidemiologica sia sotto controllo, ma non è così. Anche ora che la malattia è molto meno letale che nella fase iniziale viaggiamo al ritmo di quaranta-cinquantamila morti l’anno di covid, 15 volte di più di quanto ne fa l’influenza, anche perché il virus è molto più contagioso. Senza contare gli enormi costi sociali.

Dall’inizio dell’anno più di 10 milioni di italiani si sono ufficialmente ammalati di covid, ma in realtà i casi sono molti di più. Si stima che dall’inizio dell’anno a oggi, a parte i 42.000 morti e le decine di migliaia di ricoveri, il covid abbia fatto perdere circa 100 milioni di giornate lavorative con una perdita di circa 5 miliardi di euro in termini di ricchezza prodotta.

Basterebbero solo queste considerazioni economiche per spingere un governo responsabile ad avere un atteggiamento attento nei confronti di questo problema. Ma per il governo attuale questo problema semplicemente non esiste. Alcune regioni tra cui la Campania hanno deciso di continuare a dare i dati.
Liberi tutti e si salvi chi può.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Il Ministro della Salute incontra i rappresentanti degli oltre 1,5 milioni di professionisti sanitari e sociosanitari

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici e odontoiatri, infermieri, farmacisti, tecnici sanitari e professionisti della riabilitazione e della prevenzione, fisioterapisti, chimici e fisici, medici veterinari, psicologi, assistenti sociali, ostetriche, biologi) con il...

Neonato deceduto al Pertini, Ministro Schillaci: sicurezza partorienti e adeguate condizioni lavoro personale

Il ministro della Salute Orazio Schillaci sta seguendo con la massima attenzione il caso del neonato deceduto all’ospedale Pertini e della sua mamma alla quale esprime tutta la sua vicinanza in un momento tanto difficile e doloroso. Il Ministero ha...

Accesso alle terapia innovative: come rendere i percorsi meno accidentati, per garantire le migliori cure possibili a tutti i cittadini. L’esempio del Veneto.

Nonostante il grande impegno normativo di questi anni dell’Agenzia Italiana della Farmaco (AIFA) per accelerare le procedure di approvazione e di accesso alle terapie innovative, ancora oggi la tempistica reale di accesso alla terapia per il paziente può richiedere...