giovedì, 8 Dicembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeAmbiente e SaluteCicogne in volo...

Cicogne in volo su Napoli. Ginecologi in piazza a Napoli il 17 e il 18 settembre

Un figlio: la voglia di diventare genitore, le difficoltà ad esserlo, i dubbi e le domande di chi si trova a vivere uno dei momenti più importanti e delicati della vita. Per capire, orientarsi e avere aiuti concreti a piazza Plebiscito a Napoli insieme alla Società italiana di Ginecologia e ostetricia (Sigo) presieduta da Nicola Colacurci, ordinario della Vanvitelli. Da oggi alle ore 10 dal palco allestito in Piazza Plebiscito si parla di natalità con le sue speranze, i suoi desideri, le sue problematiche. Due giorni di informazione e di iniziative con l’aiuto di professionisti esperti che animeranno un Villaggio del benessere riproduttivo dove sarà possibile effettuare visite e check-up gratuiti e chiarire tutti i dubbi e le difficoltà. Ci saranno medici ed operatori per consulti di ostetricia, ginecologia, endocrinologia, andrologia e visite ai bambini fino a12 mesi.

Nel villaggio allestito dalla Sigo a Napoli, oltre alle visite gratuite, sarà possibile assistere a momenti di riflessione su tematiche come il supporto alla natalità, il senso della genitorialità, le tecniche di procreazione medicalmente assistita e denatalità. A confronto personalità scientifiche, accademiche, della società civile, dei mass media, del mondo ecclesiastico ma anche del mondo dei social (come Francesca Valla di Sos Tata e l’ostetrica in rosa.)
Fari puntati sulla natalità: quale futuro è il tema al quale dare risposte scientifiche e umane in questo weekend di settembre. Tante le problematiche affrontate: sia per il benessere riproduttivo della coppia che per la sicurezza del percorso nascita. Insieme alla Sigo in piazza la Società Italiana di Endocrinologia (Sie) e la Società Italiana di Neonatologia (Sin): tre sigle che racchiudono l’eccellenza di professionisti e operatori di questi ambiti sanitari.

Lo scopo dell’iniziativa è parlare di natalità per essere vicini alle coppie ed aiutare le future mamme e i futuri papà a realizzare il loro desiderio con la fiducia di un parto ed una nascita sicura. “Due giorni di informazione ma anche di festa perché è importante affrontare queste tematiche (attuali e complesse) – avverte Colacurci – con l’aiuto di professionisti esperti in un ambiente bello e accogliente come Piazza del Plebiscito. Un approccio a 360 gradi alla galassia natalità quello ideato e realizzato dalla Sigo per coinvolgere le coppie che qui hanno davvero la possibilità di capire, chiarire, affrontare e risolvere i loro dubbi e problemi per aiutare uomini e donne ad avvicinarsi con fiducia all’evento nascita.

Il tema è anche quello delle culle vuote: la natalità in Italia è al minimo storico con un trend che ormai investe anche il Sud. E in Campania, a dispetto della più alta quota di giovani tra 0 e 14 anni (14,1 per cento) e della più bassa fetta di ultra 65enni (20,2 per cento) la denatalità inizia a far sentire i suoi deleteri effetti con la significative riduzione delle iscrizioni a scuola, lo spopolamento dei licei e riverberi anche nelle Università e nell’economia.

Da alcuni anni l’Italia è ultima in Europa per nuovi nati sui residenti sebbene la quota di donne in età fertile sia ancora elevata. Problemi socio-economici, disoccupazione, carenza di nidi e altri presidi di supporto alla genitorialità, contribuiscono a rendere più rare le nascite. Dal 1995 al 2006 i tassi di natalità sono stati in incremento al Centro-Nord e decremento nel Mezzogiorno (Nord da 8.0 a 9.2, Centro da 8.1 a 9.0, Sud da 11.3 a 9.7, Isole da 10.7 a 9.5 nati vivi per mille abitanti). Analogamente il tasso di natalità è passato in Italia da 9.2 a 9.7 per mille abitanti dal 1995 al 2006 mentre allo stato attuale (2020), per la regione Campania, il tasso di natalità si è ulteriormente ridotto attestandosi all’8 per mille e molte regioni del Mezzogiorno sono ben al di sotto della media nazionale.

In particolare, Basilicata (1,10 figli per donna), Molise (1,08) e Sardegna (0,99). Anche nella regione Campania il tasso di fecondità è andato drammaticamente a picco da 1.52 a 1.44 fino ad attestarsi a 1.29 nel 2018, 1,28 nel 2021. Nel 2020, a causa del Covid, in tutte le aree del Paese è proseguito il calo delle nascite anche in rapporto all’erosione per età della popolazione femminile. L’obiettivo è ora sviluppare politiche che sostengano i giovani nei progetti di genitorialità.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Ordine dei Fisioterapisti, si parte

Ordine dei Fisioterapisti: con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale (serie generale n.280 del 30 novembre del 2022) è ai nastri di partenza il nuovo Ente autonomo nato dalla gemmazione dall’Ordine delle professioni sanitarie Tsrm Pstrp con il decreto dell’8...

Trovato il corpo senza vita di Andrea Calcaterra, il medico 51enne di Trecate scomparso dal 15 novembre scorso

Il corpo senza vita di Andrea Calcaterra - medico 51enne di Trecate (Novara) che risulta scomparso dal 15 novembre scorso - è stato trovato dalle squadre di ricerca poco distante dalla sua auto, che era parcheggiata nei boschi di...

Il Pascale sigla accordo con il Congo

Napoli, 6 dicembre 2022La serata di ieri sera, nella magnifica cornice del teatrino di corte di Palazzo reale, può racchiudersi tutta nell’abbraccio tra il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi e il console del Congo a Napoli, Angelo Melone....