sabato, Dicembre 4, 2021
No menu items!

Bollettino Covid 25 settembre

I più letti

Continua in Italia la discesa dei contagi: sono 3.525 i nuovi casi e si contano 50 decessi. Resta in zona gialla solo la Sicilia. Il Comitato tecnico scientifico riunito a Roma per il monitoraggio settimanale spiega che è in calo l’incidenza media dei casi sotto la soglia di 50 casi settimanali per 100 mila abitanti (48 contro 54 del precedente rilevamento).
Anche i ricoveri ospedalieri sono sotto la soglia epidemica. Quasi tutte le Regioni sono classificate a rischio epidemico basso anche se la variante Delta è dominante in Italia associata ad una maggiore trasmissibilità.
Aumentare la copertura vaccinale e completare i cicli di vaccinazione sono il presupposto e gli strumenti principali per prevenire un’altra ondata del virus da varianti emergenti.
L’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,82 (range 0,81 – 0,82), al di sotto della soglia epidemica ed in diminuzione rispetto alla settimana precedente. Resta stabile l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero. La elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità.
In Campania si contano 342 nuovi positivi emersi dai tamponi molecolari e solo 2 decessi con un indice di contagio che scende all’1,86% (in totale 18.343 test) rispetto al valore percentuale di 2,15%.
I posti letto di terapia intensiva occupare sono 15 (in calo rispetto ai 18 di ieri). I posti letto di degenza disponibili occupati sono 266 rispetto ai 268 del giorno precedente.
Il comitato tecnico scientifico intanto dà il via alla terza dose di vaccino a chi ha più di 80 anni in aggiunta agli anziani ospiti delle Rsa fragili. In totale il 77,39% della popolazione risulta immunizzata tra le fasce di età vaccinati con più di 12 anni. Dalle stime dell’Istituto superiore di Sanità emerge che per chi ha più di 80 anni non vaccinati il rischio di morte è 14 volte maggiore. Intanto tutti i lavoratori delle strutture pubbliche e private dal 15 ottobre avranno l’obbligo di vaccinarsi (Green pass) e tutti i dipendenti della pubblica amministrazione torneranno in presenza
Vari i fattori che hanno contribuito al trend di miglioramento dei parametri epidemici, spiega in conferenza stampa il direttore della Prevenzione Gianni Rezza, il quale ha però invitato a non abbassare la guardia.
Continua il lavoro di tracciamento e di screening nelle scuole con un monitoraggio assiduo ed anche implementando le misure che possono servire a ridurre il rischio di eventuali focolai». Nelle scuole sentinella i test sono tutti negativi a Napoli e provincia.
Intanto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri annuncia che la possibilità che a scuola la quarantena venga ridotta a 5 giorni e limitata solo ai compagni di banco e non estesa a tutta la classe se i test risultassero negativi per tutti. Anche se microbiologi ed epidemiologi sottolineano come il virus a trasmissione aerea, come Sars-Cov-2, nella sua varante Delta ad alta trasmissibilità sia facilmente trasmessa ad altri della classe e che 7 giorni di attesa per i tamponi sia il minimo sindacale.
Allo studio, infine, un provvedimento per i vaccini sperimentali e per sanare la posizione delle persone a cui sono stati somministrati Reithera e Takis)
I dati sulle vaccinazioni dicono che sono 3.249.712 gli italiani con più di 50 anni in cui il sistema sanitario inizia ad essere senescente che sono ancora senza prima dose del vaccino anti-Covid (11,7%) della popolazione complessiva di questa fascia d’età. Tra gli ultra 80enni risulta vaccinato il 92,55 per cento della platea che ha completato il ciclo vaccinale anti-Covid (era il 92,35% la scorsa settimana. Tra i 70 e i 79 anni la percentuale è del 89,56%. Sono infine 2,5 milioni i 12-19enni vaccinati ma 1,5 milioni non hanno ancora fatto la prima dose (1.554.779 tra i 16 e i 19 anni corrispondenti al 66,96% e 964.822 tra i 12 e i 15 pari al 41,85 per cento mentre 1.509.912 non hanno iniziato il ciclo vaccinale nemmeno con la prima dose.

Commenti da Facebook
- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -
Ultime notizie

Vaccini ai bambini, si parte a metà dicembre

Vaccinazioni ai bambini da 5 a 11 anni: dopo il via libera dell'Aifa sono fissate per il 13 dicembre...
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -