lunedì, 6 Febbraio, 2023

Giornalesanità.it

Napoli Cardarelli, neuroradiologia interventistica...

La Neuroradiologia del Cardarelli, diretta da Mario Muto è stata identificata dalla Regione...

Il Ministro della Salute...

Secondo incontro delle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sociosanitarie (medici...

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...
HomeCronacaAtresia del duodeno,intervento...

Atresia del duodeno,intervento record alla chirurgia pediatrica del San Carlo di Potenza

Chirurgia pediatrica all’avanguardia all’ospedale San Carlo di Potenza dove è stato eseguito per la prima volta in Basilicata un complesso intervento di correzione di una malformazione congenita (presente alla nascita) su un neonato affetto da atresia del duodeno ossia la mancanza e ostruzione di un tratto iniziale dell’intestino, nella parte che fa seguito allo stomaco e dà inizio al tenue mesenteriche.
Ad eseguire l’intervento è stato Paolo Caiazzo chirurgo responsabile della struttura semplice dipartimentale di Chirurgia Pediatrica dell’ospedale S.Carlo.

Il bambino sta bene, è già tornato a casa e avrà una vita del tutto normale:
“Queste malformazioni possono essere individuate precocemente – avverte il chirurgo – quando la gravidanza è seguita bene e la struttura sanitaria dove avviene la nascita conforta, assiste e sostiene la madre in tutte le fasi che precedono l’intervento di correzione e successive. Vediamo purtroppo un’impennata di questi casi – conferma Caiazzo – tanti altri bambini sono affetti ed è compito del chirurgo pediatrico intervenire su malformazioni che colpiscono addome e visceri”. La causa di questa aumentata incidenza? “Fattori ambientali, inquinamento, assunzione di farmaci in gravidanza, la presenza di microrganismi patogeni, in particolare i virus, nell’organismo della mamma durante le prime settimane di gravidanza e in epoca embrionale”.

In questi casi – è il consiglio dell’esperto – bisogna affidarsi a mani esperte e a specialisti chirurghi pediatrici che hanno esperienza in questo campo. “Le mamme – conclude Caiazzo – non devono mai scoraggiarsi, molte di queste patologie sono curabili. Non bisogna dunque lasciarsi sopraffare dallo sgomento ed è compito dei sanitari prepararle a gestire tutte le fasi. Il decorso post-operatorio sarà assolutamente normale. Colgo l’occasione per ringraziare la direzione strategica, in particolare il direttore generale del San Carlo Ingegnere Spera e la Dottoressa Bellettieri direttore sanitario dell’ospedale per il costante supporto dato al mio team”.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Bollettino covid 3 febbraio 2023

In merito all’andamento della situazione epidemiologica da Covid-19 si specifica che nella settimana 27 gennaio - 2 febbraio 2023 si registrano: ● 33.042 nuovi casi positivi con una variazione di -13,4% rispetto alla settimana precedente (n: 38.168) ● 439 deceduti con...

Giornata contro il cancro, Favo: equità di accesso alle cure

Roma, 2 febbraio 2023 - «Close the care gap». Ovvero: colmare il divario di cura. È questo il tema scelto per il World Cancer Day, la Giornata mondiale contro il cancro organizzata dall’Union for International Cancer Control (UICC) come...

Il presidente Vincenzo De Luca ha incontrato i vertici Soresa

Questa mattina il Presidente della Giunta Regionale ​della Campania Vincenzo De Luca ha incontrato il CdA di Soresa SpA presieduto da Tommaso Casillo, il Direttore Generale Alessandro Di Bello, i direttori operativi e il personale dell'azienda.  "Abbiamo avuto - ha...