giovedì, 8 Dicembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeCronacaAltoparlanti intelligenti come...

Altoparlanti intelligenti come Alexa possono riconoscere un arresto cardiaco

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] I[/dropcap]n caso di arresto cardiaco il tempo è essenziale, ma la maggior parte delle volte in cui questo si presenta le persone non si trovano in ospedale, ma spesso a casa propria. Di conseguenza il 90% muore, a meno che non si trovi in presenza di qualcuno che gli fornisca aiuto.
Fortunatamente da oggi sarà possibile evitare tanti decessi, grazie al supporto della tecnologia.
I ricercatori dell‘università di Washington hanno messo a punto un sistema che grazie a un nuovo algoritmo di intelligenza artificiale applicato ad altoparlanti intelligenti, come Alexa della Amazon, riescono a riconoscere a distanza un arresto cardiaco.
Gli studiosi in particolare, si sono basati sui suoni emessi durane la respirazione e associati ad un arresto cardiaco, applicato il sistema su questi assistenti vocali, questi ultimi possono avvisare i servizi di emergenza quando nessuno può prestare supporto.
In pratica la tecnologia rileva una ‘spia’ dell’arresto cardiaco che è il cosiddetto respiro agonico, ossia un movimento muscolare involontario, che produce una sorta di rumore gutturale, “la cui unicità lo rende un buon biomarcatore audio da utilizzare per capire se qualcuno sta subendo un arresto cardiaco” ha detto uno degli autori, Jacob Sunshine.

Questo tipo di respirazione – ha aggiunto – si verifica quando un paziente sperimenta livelli di ossigeno veramente bassi”. Il sistema monitora continuamente la camera da letto, grazie agli altoparlanti come Alexa o Google Home, per registrare un evento di questo tipo. L’idea, ha spiegato l’informatico Shyam Gollakota, è che in futuro “possa avvisare chiunque si trovi nelle vicinanze per fornire assistenza e in caso di mancata risposta, il dispositivo possa chiamare automaticamente il 911”, cioè il numero di emergenza degli Usa.
Il sistema è stato messo a punto sui dati di 162 telefonate arrivate al 911 di Seattle: chi ha chiamato i soccorsi ha avvicinato il telefono alla bocca della persona che si era sentita male per far ascoltare il respiro al medico, in modo da valutare la situazione. Una volta addestrato su questi dati, il sistema ha riconosciuto il respiro agonico con una precisione del 97%. Secondo Gollakota, il risultato è “una buona prova di principio, ma dobbiamo avere accesso a più chiamate arrivate al 911 per migliorare ulteriormente l’accuratezza dell’algoritmo e assicurare che si generalizzi su una popolazione più ampia”.

 

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

Ordine dei Fisioterapisti, si parte

Ordine dei Fisioterapisti: con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale (serie generale n.280 del 30 novembre del 2022) è ai nastri di partenza il nuovo Ente autonomo nato dalla gemmazione dall’Ordine delle professioni sanitarie Tsrm Pstrp con il decreto dell’8...

Trovato il corpo senza vita di Andrea Calcaterra, il medico 51enne di Trecate scomparso dal 15 novembre scorso

Il corpo senza vita di Andrea Calcaterra - medico 51enne di Trecate (Novara) che risulta scomparso dal 15 novembre scorso - è stato trovato dalle squadre di ricerca poco distante dalla sua auto, che era parcheggiata nei boschi di...

Il Pascale sigla accordo con il Congo

Napoli, 6 dicembre 2022La serata di ieri sera, nella magnifica cornice del teatrino di corte di Palazzo reale, può racchiudersi tutta nell’abbraccio tra il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi e il console del Congo a Napoli, Angelo Melone....