giovedì, 8 Dicembre, 2022

Giornalesanità.it

Frana a Casamicciola: Ordini...

"Frana a Ischia, l'Ordine professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Na è pronto a...

Reintegro medici no vax,...

«È stata inviata ai Direttori generali della Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende...

Da oggi il Ministero...

Dopo 985 giorni dalla scoperta del paziente 1 si vuole far passare l'idea...

Ordine dei Fisioterapisti: il...

A meno di un mese di distanza dal semaforo verde fatto scattare agli...
HomeProfessioni e Lavoro118, l’operatore di...

118, l’operatore di centrale operativa

[dropcap color=”#000000″ style=”style-1″ background=”#ffffff” ] Q[/dropcap]uando viene chiamato il 118 spesso il coinvolgimento emotivo di chi chiama lo porta in uno stato di ansia che lo rende poco lucido e ad entrare in una sorta di “bolla emotiva” che lo rende poco collaborativo. Sapere che dall’altro capo del telefono ci sono persone che accolgono la richiesta di soccorso e che possono essere addirittura di aiuto immediato, è il primo presupposto per evitare ulteriore stress nell’effettuare la chiamata. L’operatore di centrale è un infermiere opportunamente addestrato che usa dei metodi di comunicazione studiati per fare in modo da stabilire un rapporto empatico e veloce.

L’obiettivo è ottenere la fiducia del chiamante, i dati utili a creare l’evento in emergenza, gestire la telefonata. Non sapere, da parte dell’utenza, che l’operatore deve fare delle domande, genera conflitti e la scarsa collaborazione. Ciò può indurre in errore, alterando la valutazione delle condizioni dell’infortunato. Questo può creare danni sia per chi sta male, sia per lo spreco nell’invio di un mezzo quando non serve, perché si rischia di non utilizzarlo inficiando l’efficienza del servizio quando realmente ne ha bisogno. Purtroppo i mezzi disponibili all’invio non sono molti, per cui bisogna inviarli solo quando è realmente necessario. Per tutto ciò che non rientra nell’urgenza indifferibile e nella emergenza ci sono altri strumenti previsti dal sistema sanitario nazionale (tra l’altro il migliore al mondo) per essere gestito. Una fase del soccorso importante è il tempo di attesa che in caso di emergenza può essere utilizzato dall’operatore per dare delle importanti indicazioni sia sulla facilitazione dell’approccio veloce dei soccorritori che arrivano sul posto, sia nella gestione della vittima da parte degli astanti. E’ noto che in alcune situazioni il tempo è fondamentale per cui collaborare con l’operatore qualche volta significa essere determinanti per salvare una vita.
Dati i tempi tecnici per l’arrivo sul posto dei un equipaggio di soccorso se, per esempio, ci si trova di fronte ad un arresto cardio-respiratorio oppure ad un’ostruzione delle vie aeree, occorre intervenire subito e diviene di vitale importanza ascoltare i consigli dell’operatore.

Manovre salvavita

In Italia non c’è una larga diffusione delle conoscenze tra la popolazione delle manovre salvavita e ci si può trovare di fronte a persone timorose di tentare di seguire le indicazioni date telefonicamente dall’operatore. Se invece si cerca di essere collaborativi e l’operatore si assume la responsabilità di suggerire cosa fare sul posto chi sta accanto al paziente può rappresentare la sua unica possibilità di sopravvivenza. Dunque non c’è alcun timore.
La legge italiana prevede che in stato di necessità (articolo 54 del Codice di procedura penale) chi è sul posto può intervenire a prescindere dai risultati.
Se invece non si interviene si può incorrere nel reato di omissione di soccorso (articolo 593 codice di procedura penale). Pertanto essere collaborati può dare una possibilità di sopravvivenza in più a ciascuno di noi.

“Aiutateci ad aiutarvi”.

Commenti da Facebook
spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato sui temi di maggiore attualità nell'ambito sanitario e ricevi settimanalmente le nostre ultime notizie

Continua a leggere

00:03:03

Terrore al Santobono, genitori in disaccordo sulla somministrazione di un farmaco mettono a soqquadro l’ospedale e minacciano di morte l’infermiera

Ancora violenza negli ospedali che non si ferma neanche di fronte ai bambini.È accaduto al pronto soccorso pediatrico del Santobono dove i genitori di un piccolo paziente non essendo d’accordo sulla somministrazione di un farmaco hanno aggredito e minacciato...

Corsa delle Professioni Sanitarie 2022: la salute corre per Unicef

Si è svolta ieri, domenica 9 ottobre, nella cornice piovosa ma sempre suggestiva del Parco di Monza, la Corsa delle Professioni Sanitarie 2022, una camminata a passo libero organizzata dall’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni...

Erba velenosa (Mandragora) venduta come spinaci: Due famiglie in ospedale a Pozzuoli, uno è grave Distribuita in quattro province campane

La notte scorsa 5 persone di cui 4 residenti a Monte di Procida ed una a Quarto, sono state ricoverate alll'ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli per una sospetta intossicazione da Mandragora, un'erba velenosa che ha una struttura...